Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
Controversies in Genitourinary Tumors
Tumore prostata
Tumore rene

Genotipo del recettore della vitamina D, supplementazione di Vitamina D3 e rischio di adenomi del colon


Nonostante evidenze epidemiologiche e precliniche suggeriscano che la Vitamina-D e il Calcio inibiscano la carcinogenesi del colon-retto, l’integrazione quotidiana con questi nutrienti da 3 a 5 anni non ha ridotto in modo significativo il rischio di adenomi colorettali ricorrenti in un recente studio clinico randomizzato.

Si è studiato se varianti comuni in 7 geni delle vie della vitamina D e del calcio ( VDR, GC, DHCR7, CYP2R1, CYP27B1, CYP24A1 e CASR ) siano in grado di modificare gli effetti della Vitamina D3 o dell’integrazione di Calcio sulla ricorrenza di adenoma colorettale.

Sono stati esaminati 41 candidati polimorfismi a singolo nucleotide ( SNP ) in 2.259 partecipanti a uno studio in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo condotto presso 11 Centri clinici negli Stati Uniti.
I criteri di ammissibilità hanno incluso un adenoma recentemente diagnosticato e nessun rimanente polipo del colon dopo completa colonscopia.

L’intervento era rappresentato dall’integrazione giornaliera orale di Vitamina D3 ( 1000 UI ) o Carbonato di calcio ( 1.200 mg di Calcio ) o entrambi o nessuno.

I risultati valutati sono stati la presenza di uno o più adenomi o adenomi avanzati ( diametro stimato, 1 cm o superiore, oppure con reperti istologici villosi, displasia di alto grado, o cancro ) durante il follow-up.

Tra i 2.259 partecipanti randomizzati, 1.702 erano di razza bianca non-ispanici che hanno completato lo studio e avevano dati di genotipo per l'analisi ( 1101 uomini; età media 58.1 anni ).

L'effetto della integrazione di Vitamina D3 sugli adenomi avanzati, ma non sul rischio generale di adenoma, è variato significativamente secondo il genotipo 2 VDR SNP ( rs7968585 e rs731236  ) nel disequilibrio del legame ( D'=0.98; r2=0.6 ).

Per rs7968585 , tra gli individui con genotipo AA ( 26% ), l’integrazione di Vitamina D3 ha ridotto il rischio del 64% ( RR, 0.36; P=0.002; il rischio assoluto è diminuito dal 14.4% al 5.1% ).

Tra gli individui con 1 o 2 alleli G ( 74% ), l’integrazione di vitamina D3 ha aumentato il rischio del 41% ( RR, 1.41; P=0.05; il rischio assoluto è aumentato dal 7.7% all’11.1%; P minore di 0.001 per l'interazione ).
Non ci sono state significative interazioni dei genotipi con l’integrazione di Calcio.

In conclusione, i risultati hanno indicato che i benefici della integrazione di vitamina D3 per la prevenzione degli adenomi del colon-retto avanzato possono variare a seconda del genotipo del recettore della Vitamina D. ( Xagena2017 )

Barry EL et al, JAMA Oncol 2017; 3: 628-635

Onco2017 Gastro2017 Farma2017


Indietro