Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Vescica
OncoPneumologia

Prevalenza di mutazioni della linea germinale nei geni di suscettibilità al cancro nei pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato


L'identificazione dei pazienti con carcinoma a cellule renali ( RCC ) ereditario è importante per lo screening del tumore e, nei pazienti con malattia avanzata, per guidare il trattamento.
La prevalenza di mutazioni germinali correlate al cancro in pazienti con carcinoma a cellule renali in fase avanzata e i fenotipi associati ad alcune rare mutazioni sono sconosciuti.

È stata esaminata la prevalenza di mutazioni della linea germinale in noti geni di predisposizione a carcinoma a cellule renali e altri geni associati al cancro e sono stati identificati i fattori clinici e patologici associati a mutazioni della linea germinale.

In uno studio di coorte condotto nel periodo 2015-2017, 254 pazienti su 267 con carcinoma a cellule renali avanzato ( American Joint Committee on Cancer stadio III o IV ) che sono stati visitati in cliniche di oncologia medica o di urologia sono stati sottoposti a sequenziamento della linea germinale e hanno concordato la divulgazione dei risultati nell'ambito di un protocollo istituzionale di sequenziamento del DNA della linea germinale abbinato al tumore.

Sono stati determinati prevalenza e spettro delle mutazioni in pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato.
Le caratteristiche cliniche sono state valutate in base allo stato di mutazione.

Su 254 pazienti ( età media 56 anni, 179 maschi, 70.5%, 211 bianchi non-ispanici, 83.1% ), le mutazioni germinali sono state identificate in 41 ( 16.1% ); 14 ( 5.5% ) presentavano mutazioni nei geni associati a carcinoma a cellule renali sindromico ( 7 in FH, 3 in BAP1 e 1 ciascuno in VHL, MET, SDHA e SDHB ).

Le mutazioni più frequenti erano CHEK2 ( n=9 ) e FH ( n=7 ). Dei geni non precedentemente associati al rischio di carcinoma a cellule renali, CHEK2 era sovrarappresentato nei pazienti rispetto alla popolazione generale, con un odds ratio ( OR ) di carcinoma a cellule renali pari a 3.0 ( P=0.003 ).

I pazienti con carcinoma renale non a cellule chiare avevano significativamente più probabilità di avere una mutazione genetica associata a carcinoma a cellule renali ( 9 su 74, 11.7%, vs 3 su 177, 1.7%; P=0.001 ), e 8 ( 10.0% ) avevano un mutazione in un gene che poteva guidare la terapia.

Dei pazienti con mutazioni nei geni associati a carcinoma a cellule renali, 5 ( 35.7% ) non sono riusciti a soddisfare le attuali lineeguida cliniche per i test genetici.

In conclusione, tra i pazienti con carcinoma renale non a cellule chiare, oltre il 20% aveva una mutazione della linea germinale, di cui la metà aveva il potenziale per dirigere la terapia sistemica.
Gli attuali criteri di riferimento per i test genetici non hanno identificato una parte sostanziale dei pazienti con mutazioni, supportando il ruolo di un approccio di sequenziamento più inclusivo. ( Xagena2018 )

Carlo MI et al, JAMA Oncol 2018; 4: 1228-1235

Uro2018 Nefro2018 Onco2018



Indietro