Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Vescica
OncoPneumologia

Analogo radioattivo della Somatostatina può rappresentare un cambiamento di paradigma nel trattamento dei tumori neuroendocrini


Un composto analogo della Somatostatina radiomarcato, 177Lu-DOTA0-Tyr3-Octreotate ( 177Lu-Dotatate ) [ Lutathera ], ha ridotto il rischio di progressione della malattia o di morte del 79% nella popolazione dello studio internazionale di fase III NETTER-1, con tumori neuroendocrini avanzati con origine dall’intestino medio, già sottoposti a trattamento.

177Lu-Dotatate appartiene a una classe terapeutica nota come terapia recettoriale con peptidi radio marcati.
L'agente è composto da un analogo della Somatostatina legata a una molecola radioattiva, che consente la somministrazione mirata di radiazioni ai tumori.

Studio NETTER-1

NETTER-1 è il primo studio a valutare in modo prospettico una terapia recettoriale con peptide radiomarcato in uno studio randomizzato.
Ha valutato 230 pazienti in progressione dopo la terapia con analogo della Somatostatina, assegnandoli a 177Lu-Dotatate ( 7.4 GBq ) una volta ogni 8 settimane ( con infusioni di 30 minuti ) per 4 trattamenti totali oppure Octreotide LAR [ Sandostatin LAR ] ad alto dosaggio ( ripetibile a lunga durata d'azione) a 60 mg.

L'analisi principale di NETTER-1 è stata presentata nel 2015 al European Cancer Congress; è stata riscontrata una riduzione della progressione della malattia del 79%.
La sopravvivenza mediana libera da progressione non è stata raggiunta con 177Lu-Dotatate ma è stata di 8 mesi con Octreotide LAR ( P minore di 0.0001 ).

I tassi di risposta, in genere molto bassi in questa malattia, sono stati 18% vs 3% ( P minore di 0.0008 ), rendendo questo l'unico grande studio che ha mostrato tassi di risposta a due cifre nei tumori neuroendocrini dell'intestino medio.
Solo il 5% dei pazienti aveva malattia progressiva come migliore risposta.

Con circa un anno e mezzo di follow-up, la sopravvivenza mediana libera da progressione attesa è probabilmente più lunga di 3 anni.

Nel braccio sperimentale sono morti 13 pazienti contro 22 nel braccio di controllo ( P minore di 0.019 ), un trend numerico che è indicativo di un miglioramento della sopravvivenza globale.

Può essere possibile predire la risposta a questo trattamento con il livello di espressione del recettore della Somatostatina.
Questo può essere misurato con Octreoscan o con più raffinatezza utilizzando una scansione PET Gallio-68-analogo della Somatostatina ( tomografia a emissione di positroni ).

Eventi avversi

Al Gastrointestinal Cancers Symposium del 2016 sono stati forniti ulteriori dettagli sugli eventi avversi correlati a questa nuova terapia.
Eventi avversi gravi sono stati riportati nel 26% del braccio sperimentale e nel 24% del braccio di controllo, di cui 9% e 1% sono stati considerati correlati al trattamento.
È stata documentata solo una infezione opportunistica, ma non è stata considerata correlata al trattamento.

L'evento avverso più comune nel braccio 177 Lu-Dotatate è stato la nausea, di cui tutti i gradi sono stati osservati nel 59% e 47%, rispettivamente, e di grado 3 e 4 nel 4% e 7%.
Nel braccio di controllo, il 12% ha riferito nausea e il 10% ha riferito vomito, e praticamente nessun caso è risultato grave.

La nausea e il vomito si sono verificati principalmente durante le 4 ore di infusione degli aminoacidi, che proteggono contro la tossicità renale, ma provocano questo effetto collaterale.

Le tossicità ematologiche nel braccio sperimentale hanno incluso gradi per lo più lievi di trombocitopenia ( 25% ), linfopenia ( 18% ), anemia ( 14% ), leucopenia ( 10% ) e neutropenia ( 5% ).
Linfopenia di grado 3/4 è stata osservata nel 9%.
Le citopenie tendevano ad essere transitorie.

L’epatotossicità è stato un evento raro, con aumenti degli enzimi epatici osservati nel 4% del braccio sperimentale.

La funzione renale è rimasta stabile nel periodo di osservazione di 2 anni. ( Xagena2016 )

Fonte: The ASCO Post 2016

Gastro2016 Onco2016 Farma2016


Indietro