Lung Unit
Tumore Uroteliale
ForumOncologico
Tumore polmone

Cabometyx per il trattamento del carcinoma renale avanzato negli adulti dopo una precedente terapia anti-VEGF


Il Comitato per i medicinali per uso umano ( CHMP ) dell’EMA ( European Medicines Agency ), ha espresso parere positivo per Cabometyx ( Cabozantinib ) al dosaggio di 20, 40, 60 mg per il trattamento del carcinoma renale avanzato ( RCC ) negli adulti che erano stati trattati con terapia mirata anti-VEGF ( fattore di crescita dell’endotelio vascolare ).

Il parere positivo del CHMP è stato adottato in seguito a una procedura di revisione accelerata, e sulla base dei dati dello studio registrativo di fase 3 METEOR.

METEOR è uno studio in aperto guidato-dagli-eventi, che ha interessato 658 pazienti con carcinoma a cellule renali in fase avanzata che non avevano risposto ad almeno una precedente terapia con inibitori tirosin-chinasici di VEGFR.

L'endpoint primario dello studio era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) nei primi 375 pazienti trattati.
Gli endpoint secondari comprendevano la sopravvivenza globale ( OS ) e il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) in tutti i pazienti arruolati.

I pazienti sono stati randomizzati in un rapporto 1:1 a ricevere 60 mg di Cabozantinib al giorno oppure 10 mg di Everolimus ( Afinitor ) al giorno, e sono stati stratificati in base al numero di precedenti terapie anti-VEGFR ricevute e in base ai criteri di rischio MSKCC.
Nessun cross-over è stato permesso tra i bracci dello studio.

METEOR ha incontrato il suo endpoint primario di miglioramento significativo della sopravvivenza libera da progressione.
Rispetto ad Everolimus, Cabozantinib è risultato associato a una riduzione del 42% del tasso di progressione della malattia o di mortalità.
La sopravvivenza mediana libera da progressione per Cabozantinib è stata di 7.4 mesi contro i 3.8 mesi di Everolimus ( hazard ratio, HR = 0.58, IC 95%, 0.45- 0.74; P inferiore a 0.0001 ).

Cabozantinib ha migliorato in modo significativo il tasso di risposta obiettiva rispetto a Everolimus ( p inferiore a 0.0001 ).

Cabozantinib ha anche aumentato in modo statisticamente e clinicamente significativo la sopravvivenza globale nello studio METEOR.
Rispetto a Everolimus, Cabozantinib è risultato associato a una riduzione del 34% del tasso di mortalità.
La sopravvivenza mediana globale è stata di 21.4 mesi per i pazienti trattati con Cabozantinib contro i 16.5 mesi per quelli trattati con Everolimus ( HR = 0.66, IC 95%, 0.53-0.83, p = 0.0003 ).

Dallo studio è emerso che il beneficio di Cabozantinib in termini di sopravvivenza globale era robusto e coerente in tutti i sottogruppi pre-specificati. In particolare, il beneficio è stato osservato a prescindere dalla categoria di rischio, dall'ubicazione e dall'estensione delle metastasi tumorali e dal livello di espressione tumorale di MET.

Gli eventi avversi più frequenti a prescindere dalla causalità sono stati: diarrea, stanchezza, diminuzione dell'appetito e ipertensione per Cabozantinib, e stanchezza, anemia, diminuzione dell'appetito e tosse per Everolimus.

La riduzione della dose si è verificata nel 62% e nel 25% dei pazienti, assegnati, rispettivamente a Cabozantinib ed Everolimus.

La percentuale di interruzione a causa di un evento avverso non-correlato alla progressione della malattia è stata del 12% con Cabozantinib e dell'11% con Everolimus. ( Xagena2016 )

Fonte: Ipsen, 2016

Onco2016 Uro2016 Nefro2016 Farma2016


Indietro