Lung Unit
Tumore Uroteliale
ForumOncologico
OncoGinecologia

Darolutamide riduce il rischio di metastasi nel carcinoma della prostata resistente alla castrazione, asintomatico, non-metastatico


Il trattamento con Darolutamide ha prolungato la sopravvivenza libera da metastasi rispetto al placebo tra gli uomini con carcinoma alla prostata resistente alla castrazione, asintomatico, non-metastatico, in base ai risultati dello studio ARAMIS.
Darolutamide, un antagonista del recettore degli androgeni, è risultato anche associato a una bassa incidenza di eventi avversi correlati al trattamento.

I livelli di PSA ( antigene prostatico specifico ) nel carcinoma prostatico resistente alla castrazione non-metastatico sono elevati, nonostante il trattamento con la terapia ormonale; generalmente questi pazienti non presentano sintomi.
Esiste l'esigenza di trattamenti in grado di controllare la malattia e di ritardare la diffusione del cancro senza influire sulla vita quotidiana o aumentando il peso della malattia con gli effetti collaterali del trattamento.
Sebbene gli attuali trattamenti siano efficaci nel ritardare l'inizio delle metastasi, gli effetti collaterali possono alterare la vita dei pazienti, particolarmente gli effetti a livello cognitivo, le convulsioni, l'impatto sull'equilibrio che può portare a cadute e a fratture ossee, le eruzioni cutanee e l'ipertensione.
Inoltre, sono importanti anche nuove opzioni di trattamento che hanno interazioni limitate con i farmaci tipicamente utilizzati in questa popolazione di pazienti.

Nello studio, i ricercatori hanno assegnato in modo casuale 1.509 uomini ( età mediana, 74 anni ) in un rapporto 2: 1 a ricevere 600 mg di Darolutamide due volte al giorno ( n = 955, tempo di raddoppiamento del PSA mediano, 4.4 mesi ) oppure placebo ( n = 554; tempo di raddoppiamento, 4.7 mesi ) continuando la terapia di deprivazione androgenica.
Tutti gli uomini avevano un livello basale di PSA di almeno 2 ng/mL, uno stato di performance status ECOG da 0 a 1 e un tempo di raddoppiamento del PSA di 10 mesi o meno.

La sopravvivenza libera da metastasi ( MFS ) è servita come endpoint primario dello studio. Gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza globale ( OS ), tempo alla progressione del dolore valutato mediante la scala Brief Pain Inventory [ BPI ], tempo alla prima chemioterapia citotossica, tempo al primo evento scheletrico sintomatico. e sicurezza.

La durata mediana del trattamento è stata di 14.8 mesi nel gruppo Darolutamide e di 11 mesi nel gruppo placebo.
Il follow-up mediano è stato di 17.9 mesi.

E' emerso che la Darolutamide ha prodotto una riduzione del 59% del rischio di metastasi o di mortalità ( sopravvivenza libera da metastasi mediana, 40.4 mesi versus 18.4 mesi, hazard ratio, HR = 0.41, IC 95%, 0.34-0.5 ).

La sopravvivenza libera da metastasi è un endpoint significativo perché un terzo dei pazienti con carcinoma alla prostata resistente alla castrazione, non-metastatico, tende a sviluppare metastasi entro 2 anni.
Le metastasi sono associate a un aumento della mortalità e della morbilità e a una ridotta qualità di vita.
Il prolungamento della sopravvivenza libera da metastasi negli uomini con carcinoma della prostata è, pertanto, un obiettivo terapeutico fondamentale, in quanto è associato a un aumento della sopravvivenza.

La Darolutamide ha anche mostrato una tendenza verso il beneficio in termini di sopravvivenza globale, sebbene la sopravvivenza globale mediana non sia stata ancora raggiunta ( OS a 3 anni, 83% vs 73%, HR = 0.71, IC 95%, 0.5-0.99 ), e di tempo alla progressione del dolore ( mediana, 40.3 mesi versus 25.4 mesi, HR = 0.65, IC 95%, 0.53-0.79 ).

Anche la sopravvivenza libera da progressione, un endpoint esplorativo, è apparso significativamente migliorato nel gruppo Darolutamide ( mediana, 36.8 mesi versus 14.8 mesi, HR = 0.38, IC 95%, 0.32-0.45 ).

Il tempo alla chemioterapia citotossica (mediana, non-raggiunto vs 38.2 mesi, HR = 0.43, IC 95%, 0.31-0.6 ) e il tempo al primo evento scheletrico sintomatico ( mediana, non-raggiunta per entrambi, HR = 0.43, IC 95%, 0.22 -0.84 ) hanno favorito il gruppo Darolutamide.

La maggior parte degli eventi avversi è stata di grado 1 o di grado 2. Il 25% degli uomini assegnati a Darolutamide e il 20% a placebo hanno presentato eventi avversi di grado 3 o di grado 4.

L'interruzione della terapia a causa di effetti collaterali è stata simile tra i due gruppi ( circa il 9% per ciascun braccio ).

Tutti gli eventi avversi correlati al trattamento si sono verificati in meno del 10% dei pazienti, ad eccezione dell'affaticamento ( Darolutamide, 12.1%; placebo, 8.7% ).

Gli eventi avversi correlati al trattamento con gli inibitori del recettore degli androgeni di nuova generazione, tra cui fratture, cadute, convulsioni e perdita di peso, si sono verificati in una proporzione comparabile di pazienti nei due gruppi. ( Xagena2019 )

Fonte: Genitourinary Cancers Symposium, 2019

Onco2019 Uro2019 Farma2019


Indietro