OncoHub
Oncologia Morabito
Janssen Oncology
Novartis

Afatinib più Cetuximab rispetto al solo Afatinib per il trattamento di prima linea del tumore polmonare non-a-piccole cellule con mutazione in EGFR: risultati finali dallo studio SWOG S1403


In precedenza era stato dimostrato che l'inibitore irreversibile dei recettori tirosin-chinasici ( TKI ) della famiglia ErbB, Afatinib ( Giotrif ), più l'anticorpo monoclonale EGFR Cetuximab ( Erbitux ) ha superato la resistenza agli inibitori TK di EGFR.

Si è determinato se la combinazione di Afatinib più Cetuximab rispetto al solo Afatinib sia in grado di migliorare la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) nei pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) EGFR-mutato naive-al-trattamento prevenendo o ritardando la resistenza.

I pazienti con NSCLC EGFR-mutato senza precedente trattamento della malattia avanzata sono stati arruolati nello studio di fase II, multicentrico SWOG S1403 e assegnati in modo casuale a ricevere Afatinib 40 mg per via orale al giorno più Cetuximab 500 mg/m2 per via endovenosa ogni 2 settimane oppure Afatinib da solo.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione.

Tra il 2015 e il 2018, 174 pazienti sono stati assegnati in modo casuale e 168 ( 83 con Afatinib più Cetuximab e 85 con Afatinib ) sono stati considerati eleggibili.
Non c'è stato alcun miglioramento nella sopravvivenza libera da progressione nei pazienti trattati con Afatinib più Cetuximab rispetto ad Afatinib da solo ( hazard ratio HR, 1.01; P=0.94; mediana, 11.9 mesi vs 13.4 mesi ).

Allo stesso modo, non c'è stata differenza nel tasso di risposta ( 67% vs 74%; P=0.38 ) oppure nella sopravvivenza globale ( HR, 0.82; P=0.44 ).

La tossicità è stata maggiore con la combinazione: eventi avversi di grado 3 o superiore correlati al trattamento si sono verificati nel 72% dei pazienti trattati con Afatinib più Cetuximab rispetto al 40% di quelli trattati con Afatinib da solo, più comunemente eruzione cutanea e diarrea.

Le riduzioni della dose sono state più comuni nei pazienti trattati con la combinazione e il 30% dei pazienti in questo braccio ha interrotto il trattamento con Cetuximab a causa della tossicità.
All'analisi ad interim, non sono state raccolte prove sufficienti per supportare l’arruolamento continuo e lo studio è stato chiuso.

L'aggiunta di Cetuximab ad Afatinib non ha migliorato gli esiti per il carcinoma al polmone non-a-piccole cellule con mutazione di EGFR non-trattate in precedenza, nonostante l'attività riconosciuta nel contesto della resistenza acquisita. ( Xagena2020 )

Goldberg SB et al, J Clin Oncol 2020; 38: 4076-4085

Pneumo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro