Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Vescica
ForumOncologico

Associazione tra antigene carcinoembrionario sierico preoperatorio e postoperatorio ed esiti di cancro del colon


Le linee guida raccomandano la misurazione dell'antigene carcinoembrionico ( CEA ) preoperatorio nei pazienti con carcinoma del colon.
Sebbene CEA persistentemente elevato dopo l'intervento chirurgico sia stato associato a un aumentato rischio di malattia metastatica, non è noto il significato prognostico di CEA preoperatorio elevato che si normalizza dopo la resezione.

Si è determinato se i pazienti con CEA preoperatorio elevato che si normalizza dopo resezione del tumore del colon presentano un rischio maggiore di recidiva rispetto ai pazienti con CEA preoperatorio normale in una analisi di coorte retrospettiva condotta presso un Centro oncologico.
Sono stati identificati i pazienti con cancro del colon sottoposti a resezione curativa per adenocarcinoma del colon in stadio da I a III dal 2007 al 2014.

I pazienti sono stati raggruppati in 3 coorti: CEA preoperatorio normale, CEA preoperatorio elevato ma CEA postoperatorio normalizzato, e CEA preoperatorio e postoperatorio elevato.
Sono state analizzate la sopravvivenza senza recidiva ( RFS ) a tre anni e le curve della funzione di rischio ( hazard ) nel tempo.

Sono stati identificati 1.027 pazienti ( 461 maschi, 50.4%, età mediana 64 anni ).

I pazienti con CEA preoperatorio normale avevano sopravvivenza libera da recidiva a 3 anni più alta del 7.4% ( n=715, 89.7% ) rispetto alle coorti combinate con CEA preoperatorio elevato ( n=312, 82.3%) (P=0.01 ) ma presentavano una sopravvivenza libera da recidiva simile a quella dei pazienti con CEA postoperatorio normalizzato ( n=142, 87.9% ) ( P=0.86 ).

I pazienti con CEA postoperatorio elevato presentavano una sopravvivenza libera da recidiva inferiore del 14.9% ( n=57, 74.5% ) rispetto alle coorti combinate con CEA postoperatorio normale ( n=857, 89.4% ) ( P=0.001 ).
La funzione di rischio di recidiva per CEA postoperatorio elevato ha raggiunto il picco prima rispetto alle altre coorti.

Le analisi multivariate hanno confermato che un elevato CEA postoperatorio ( hazard ratio, HR=2.0 ), ma non CEA postoperatorio normalizzato ( HR=0.77 ), era indipendentemente associato a più breve sopravvivenza libera da recidiva.

In conclusione, CEA preoperatorio elevato che si normalizza dopo la resezione non è un indicatore di prognosi infausta.
La misurazione di routine di CEA postoperatorio, piuttosto che preoperatorio, è necessaria.
I pazienti con CEA postoperatorio elevato hanno un aumentato rischio di recidiva, specialmente nei primi 12 mesi dopo l'intervento. ( Xagena2018 )

Konishi T et al, JAMA Oncol 2018; 4: 309-315

Onco2018 Gastro2018



Indietro