Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore prostata
OncoPneumologia

Associazione tra chemioterapia per i tumori solidi e sviluppo della sindrome mielodisplastica relativa alla terapia o leucemia mieloide acuta nell'era moderna


La sindrome mielodisplastica correlata alla terapia o leucemia mieloide acuta ( tMDS/AML ) è una rara complicanza solitamente fatale della chemioterapia che include alcuni agenti alchilanti, inibitori della topoisomerasi II e composti del Platino.
Con l'introduzione di nuovi agenti chemioterapici, indicazioni ampliate per agenti consolidati e aumento della chemioterapia neoadiuvante e adiuvante, i rischi di tMDS/AML nell'età moderna sono scarsamente compresi.

È stato quantificato il rischio di tMDS/AML dopo chemioterapia per tumore solido tra gli adulti degli Stati Uniti dal 2000, e sono stati correlati i modelli di rischio di tMDS/AML con le pratiche di trattamento chemioterapico.

È stato condotto uno studio di coorte basato sulla popolazione utilizzando i registri Surveillance, Epidemiology, and End Results ( SEER ) Program e Medicare.
Le analisi dei rischi includevano 1619 casi di tMDS/AML tra 700.612 adulti ( età, 20-84 anni ) a cui era stato diagnosticato il primo tumore solido primario durante il periodo 2000-2013 ( seguiti fino al 2014 ), avevano ricevuto la chemioterapia iniziale e sono sopravvissuti per 1 anno o più, come riportato in SEER.

Sono state condotte analisi descrittive dei dati SEER collegati alle richieste di Medicare per la chemioterapia in 165.820 adulti anziani ( età, 66-84 anni ) sottoposti a chemioterapia iniziale per un primo tumore solido primario nel 2000-2013.

L’esito principale era un seconda sindrome mielodisplastica correlata alla terapia / leucemia mieloide acuta primaria.

Sulla base di 1.619 casi di tMDS / AML nel database SEER ( età media 64.3 anni; 1.148, 70.9% donne ), i rischi di tMDS/AML sono stati elevati in modo statisticamente significativo dopo chemioterapia per 22 su 23 tumori solidi ( tutti tranne il colon ).
I rischi relativi variavano da 1.5 a più di 10, e i rischi assoluti in eccesso da 1.4 a più di 15 casi per 10.000 anni-persona rispetto alla popolazione generale.

La sopravvivenza globale dopo la diagnosi di tMDS/AML è stata scarsa ( 1.270 su 1.619 pazienti, 78.4%, sono deceduti; sopravvivenza globale mediana, 7 mesi ).

Per i pazienti attualmente trattati con chemioterapia, circa i tre quarti dei casi di tMDS / AML previsti entro i prossimi 5 anni saranno attribuibili alla chemioterapia.

Nel database SEER-Medicare, l'uso di noti agenti leucemogeni, in particolare composti del Platino, nella chemioterapia iniziale è aumentato sostanzialmente dal 2000, in particolare per i tumori del tratto gastrointestinale ( esofago, stomaco, colon e retto; 10% nel periodo 2000-2001 fino all'81% nel periodo 2012-2013 ).

I dati su larga scala basati sulla popolazione degli Stati Uniti hanno dimostrato un eccesso di rischio di sindrome mielodisplastica correlata alla terapia / leucemia mieloide acuta a seguito della chemioterapia per quasi tutti i tipi di tumore solido, in linea con l'uso esteso di noti agenti leucemogeni nel 21° secolo.
Sono necessari continui sforzi per ridurre gli eventi avversi correlati al trattamento, in particolare per i pazienti affetti da tumore solido con prognosi favorevole. ( Xagena2019 )

Morton LM et al, JAMA Oncol 2019; 5: 318-325

Emo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro