Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore prostata
Tumore Mammella

Atezolizumab associato alla chemioterapia migliora la sopravvivenza libera da progressione nel carcinoma uroteliale metastatico


Dallo studio di fase 3, IMvigor130, è emerso che la combinazione di prima linea di Atezolizumab ( Tecentriq ) e chemioterapia ha portato a un miglioramento di 1.9 mesi nella sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediana rispetto al placebo / chemioterapia nei pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico, ma non ha mostrato miglioramento statisticamente significativo della sopravvivenza globale ( OS ).

A un follow-up mediano di 11.8 mesi, la sopravivenza PFS mediana finale è stata di 8.2 mesi con Atezolizumab più chemioterapia rispetto a 6.3 mesi con chemioterapia più placebo, portando a una riduzione del 18% del rischio di progressione o morte della malattia ( hazard ratio, HR=0.82; 95% CI, 0.70-0.96; P a una coda = 0.007 ).

Tuttavia, all'analisi intermedia, la sopravvivenza globale mediana è stata di 16.0 mesi e di 13.4 mesi, rispettivamente, con Atezolizumab più chemioterapia e placebo più chemioterapia ( HR=0.83; IC al 95%, 0.69-1.00; P a una coda = 0.027 ), che era clinicamente significativo, ma non ha attraversato il limite prespecificato di efficacia per significatività.

In questa analisi intermedia, è stato osservato un miglioramento clinicamente significativo della sopravvivenza globale per il braccio combinato rispetto alla chemioterapia.

Atezolizumab, un inibitore PD-L1, è attualmente approvato per il trattamento di prima linea di pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico che non sono idonei per la chemioterapia contenente Cisplatino e i cui tumori esprimono PD-L1, o che non sono idonei per alcuna chemioterapia a base di Platino, indipendentemente dallo stato PD-L1.
Atezolizumab è anche indicato nel trattamento dei pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico la cui malattia è progredita durante o dopo la chemioterapia a base di Platino o entro 12 mesi dalla terapia chemioterapica contenente Platino, prima o dopo l'intervento chirurgico.

IMvigor130 è il primo studio che ha valutato la combinazione di immunoterapia e chemioterapia in pazienti con carcinoma uroteliale metastatico idonei e non-idonei per la chemioterapia.

Nello studio IMvigor130, 1213 pazienti sono stati assegnati in modo random, in un rapporto 1: 1: 1, a ricevere Atezolizumab più terapia a base di Platino e Gemcitabina ( braccio A; n = 451 ), Atezolizumab monoterapia ( braccio B; n = 362 ) oppure placebo più terapia a base di Platino e Gemcitabina ( braccio C; n = 400 ).
I primi 129 pazienti sono stati randomizzati in un rapporto 2:1 a braccio A e braccio C secondo il disegno di sperimentazione iniziale, e il braccio B ha arruolato pazienti in tempi successivi.

Per essere idonei, i pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico non dovevano aver ricevuto una precedente terapia sistemica nel setting metastatico, dovevano avere un performance status ECOG inferiore o uguale a 2, e essere idonei alla terapia a base di Platino come prima linea.

I pazienti sono stati stratificati in base allo stato PD-L1 sulle cellule immunitarie infiltranti il tumore [ IC ] ( IC0 vs IC1 vs IC2/3 ); punteggio del fattore di rischio di Bajorin, compreso il punteggio di prestazione di Karnofsky inferiore all'80% versus superiore o uguale a 80%, e la presenza di metastasi viscerali; e la scelta della chemioterapia secondo lo sperimentatore, che comprendeva Gemcitabina / Carboplatino oppure Gemcitabina / Cisplatino.

Gli endpoint co-primari erano le sopravvivenze PFS e OS valutate dallo sperimentatore nel braccio A rispetto al braccio C, e la sopravvivenza OS nel braccio B rispetto al braccio C con un approccio gerarchico.
Gli endpoint secondari chiave includevano il tasso di risposta globale ( ORR ) valutato dallo sperimentatore e la durata della risposta, le sopravvivenze PFS e OS nel braccio B rispetto al braccio C nel sottogruppo PD-L1 IC2/3, e la sicurezza.

I risultati hanno mostrato che, nella popolazione intent-to-treat, la sopravvivenza globale mediana con Atezolizumab in monoterapia era di 15.7 mesi e di 13.1 mesi per la chemioterapia / placebo ( HR=1.02; IC al 95%, 0.83-1.24 ).

E' stato anche dimostrato che, quando stratificati in base allo stato di espressione di PD-L1, i pazienti con tumori PD-L1-positivi ( IC2/3 ) avevano un miglioramento della sopravvivenza globale quando trattati con Atezolizumab in monoterapia rispetto a chemioterapia / placebo ( HR=0.68; 95% CI, 0.43-1.08 ).
In particolare, la sopravvivenza globale mediana con Atezolizumab non è stata stimata ed era di 17.8 mesi con la chemioterapia.

Nel sottogruppo PD-L1 IC0/1, la sopravvivenza globale mediana è stata di 13.5 mesi con Atezolizumab in monoterapia rispetto a 12.9 mesi con chemioterapia / placebo ( HR=1.07; IC al 95%, 0.86-1.33 ).

I tassi ORR nei bracci A, B e C erano rispettivamente del 47%, 23% e 44%, e i tassi di risposta completi sono stati pari a 13%, 6% e 7%.

La combinazione immunoterapia / chemioterapia è risultata ben tollerata e il profilo di ciascun farmaco era coerente con quanto precedentemente riportato.
Gli eventi avversi che hanno portato alla sospensione del trattamento si sono verificati nel 34% dei pazienti nel braccio A, nel 6% di quelli nel braccio B e nel 34% dei pazienti nel braccio C. ( Xagena2019 )

Fonte: ESMO ( European Society of Medical Oncology ) Meeting, 2019

Onco2019 Uro2019 Farma2019


Indietro