Gilead Banner
Natera Banner
Bayer Banner
Tumore prostata

Atezolizumab più Cabozantinib versus Cabozantinib in monoterapia per pazienti con carcinoma a cellule renali dopo progressione con precedente trattamento con inibitori del checkpoint immunitario: studio CONTACT-03


Gli inibitori del checkpoint immunitario rappresentano lo standard di cura per il trattamento di prima linea dei pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico, ma non è noto il trattamento ottimizzato dei pazienti la cui malattia progredisce dopo queste terapie.

Si è determinato se l'aggiunta di Atezolizumab ( Tecentriq ) a Cabozantinib ( Cabometyx ) ritardi la progressione della malattia e prolunghi la sopravvivenza nei pazienti con progressione della malattia durante o dopo un precedente trattamento con inibitori del checkpoint immunitario.

CONTACT-03 era uno studio di fase 3 multicentrico, randomizzato, in aperto, condotto in 135 Centri di studio in 15 Paesi in Asia, Europa, Nord America e Sud America.
I pazienti di età pari o superiore a 18 anni con carcinoma a cellule renali localmente avanzato o metastatico la cui malattia era progredita con gli inibitori dei checkpoint immunitari sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Atezolizumab ( 1.200 mg per via endovenosa ogni 3 settimane ) più Cabozantinib ( 60 mg per via orale una volta al giorno ) oppure solamente Cabozantinib.

La randomizzazione è stata effettuata stratificando per gruppo di rischio secondo IMDC ( International Metastatic Renal Cell Carcinoma Database Consortium ), linea di precedente terapia con inibitori del checkpoint immunitario e istologia del carcinoma a cellule renali.

I due endpoint primari erano la sopravvivenza libera da progressione secondo la revisione centrale indipendente in cieco e la sopravvivenza globale.
Gli endpoint primari sono stati valutati nella popolazione intention-to-treat ( ITT ) e la sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio.

Nel periodo 2020-2021, 692 pazienti sono stati sottoposti a screening per l'idoneità, 522 dei quali sono stati assegnati a ricevere la combinazione Atezolizumab e Cabozantinib ( 263 pazienti ) oppure solo Cabozantinib ( 259 pazienti ).
401 pazienti ( 77% ) erano maschi e 121 ( 23% ) erano femmine.

Al momento del cutoff dei dati ( gennaio 2023 ), il follow-up mediano era di 15.2 mesi.

171 pazienti ( 65% ) trattati con Atezolizumab - Cabozantinib e 166 pazienti ( 64% ) trattati con Cabozantinib hanno presentato progressione della malattia secondo la revisione centrale o sono deceduti.

La sopravvivenza libera da progressione mediana è stata di 10.6 mesi con Atezolizumab - Cabozantinib e di 10.8 mesi con Cabozantinib ( hazard ratio per la progressione della malattia o morte, HR=1.03; P=0.78 ).
89 pazienti ( 34% ) nel gruppo Atezolizumab - Cabozantinib e 87 ( 34% ) nel gruppo Cabozantinib sono deceduti.

La sopravvivenza globale ( OS ) mediana è stata di 25.7 mesi con Atezolizumab - Cabozantinib e non-valutabile con Cabozantinib ( HR per il decesso 0.94; P=0.69 ).

Eventi avversi gravi si sono verificati in 126 dei 262 pazienti ( 48% ) trattati con la combinazione Atezolizumab e Cabozantinib e in 84 dei 256 pazienti ( 33% ) trattati con solo Cabozantinib; eventi avversi che hanno portato alla morte si sono verificati in 17 pazienti ( 6% ) nel gruppo Atezolizumab - Cabozantinib e in 9 ( 4% ) nel gruppo Cabozantinib.

L’aggiunta di Atezolizumab a Cabozantinib non ha migliorato gli esiti clinici, e ha portato ad un aumento della tossicità.
Questi risultati dovrebbero scoraggiare l’uso sequenziale degli inibitori del checkpoint immunitario nei pazienti con carcinoma a cellule renali al di fuori degli studi clinici. ( Xagena2023 )

Pal SK et al, Lancet 2023; 402: 185-195

Nefro2023 Uro2023 Onco2023 Farma2023



Indietro