Roche Oncologia
BMS
Lung Unit
Novartis

Bevacizumab in associazione a regime mFOLFOX-6 o FOLFOXIRI nei pazienti con metastasi epatiche inizialmente non-operabili da tumore del colon-retto


Nei pazienti con metastasi epatiche di carcinoma colorettale inizialmente non-operabili, la chemioterapia è in grado di ridurre le dimensioni delle metastasi e facilitarne la resezione secondaria.

Lo studio clinico di fase II, randomizzato e in aperto, OLIVIA ha valutato l'efficacia di Bevacizumab ( Avastin ) in associazione a regime FOLFOX-6 modificato ( 5-Fluorouracile/Acido Folinico, Oxaliplatino ) [ mFOLFOX-6 ] o a regime FOLFOXIRI ( 5-Fluorouracile / Acido Folinico, Oxaliplatino, Irinotecan ) in questo gruppo di pazienti.

Nello studio, i pazienti con metastasi epatiche non-operabili sono stati randomizzati a ricevere Bevacizumab ( 5 mg/kg ) in associazione a regime FOLFOX-6 modificato ( Oxaliplatino 85 mg/m2, Acido Folinico 400 mg/m2, 5-Fluorouracile in bolo iniziale da 400 mg/m2 seguito da infusione di 2400 mg/m2 in un intervallo di tempo di 46 ore ) oppure il regime FOLFOXIRI ( Oxaliplatino 85 mg/m2, Irinotecan 165 mg/m2, Acido Folinico 200 mg/m2, 5-Fluorouracile 3200 mg/m2 in infusione di 46 ore ) ogni 2 settimane.

La condizione di inoperabilità delle metastasi è stata definita sulla base di almeno uno dei seguenti criteri: nessuna possibilità di resezione R0/R1 in anticipo di tutte le lesioni; volume epatico residuo inferiore al 30% dopo resezione; metastasi in contatto con i principali vasi del fegato residuo.
L'operabilità delle metastasi è stata invece valutata mediante un esame multidisciplinare.
L'endpoint primario dello studio era il tasso di resezione totale ( R0, R1, R2 ).

Gli endpoint di efficacia sono stati analizzati mediante analisi intention-to-treat.

Nei pazienti assegnati a trattamento con Bevacizumab in associazione a regime FOLFOXIRI ( n = 41 ) il tasso di resezione complessiva è stato del 61% ( intervallo di confidenza [ IC ] 95%: 45-76% ), mentre nei pazienti assegnati a trattamento con Bevacizumab in associazione a regime FOLFOX-6 modificato ( n = 39 ) il tasso di resezione complessiva è stato del 49% ( IC 95%: 32-65% ), mostrando una differenza del 12% ( IC 95%: da -11% a 36% ), con tassi di resezione R0 del 49% e del 23%, rispettivamente.

Nei pazienti assegnati a trattamento con Bevacizumab in associazione a regime FOLFOXIRI, il tasso di risposta globale del tumore è stato dell'81% ( IC 95%: 65-91% ), rispetto al 62% ( IC 95%: 45-77% ) osservato nei pazienti assegnati a Bevacizumab in associazione a regime FOLFOX-6 modificato, mentre la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) è stata di 18.6 mesi ( IC 95%: 12.9-22.3 mesi ) e 11.5 mesi ( IC 95%: 9.6-13.6 mesi ), rispettivamente.

Le reazioni avverse più comuni di grado 3-5 sono state neutropenia ( 50% nel braccio Bevacizumab - FOLFIXIRI; 6.35% nel braccio Bevacizumab - mFOLFOX ) e diarrea ( 30% e 14%, rispettivamente ).

In conclusione, la somministrazione di Bevacizumab in combinazione con regime FOLFOXIRI è stata associata a maggiori tassi di risposta, maggiori tassi di resezione e prolungata sopravvivenza libera da progressione rispetto alla somministrazione di Bevacizumab in combinazione a regime FOLFOX-6 modificato nei pazienti con metastasi epatiche di tumore colo rettale, inizialmente non-operabili.
La somministrazione di Bevacizumab in combinazione a regime FOLFOXIRI è stata associata a una maggiore tossicità, risultata tuttavia gestibile. ( Xagena2015 )

Gruenberger T et al, Ann Oncol 2015; 26: 702-708

Onco2015 Gastro2015 Farma2015


Indietro