Roche Oncologia
Oncologia Morabito
Cortinovis SCLC 2021
Tumore prostata

Bevacizumab più Irinotecan versus Temozolomide nel glioblastoma O6-metilguanina-DNA metiltransferasi non-metilato


Nei pazienti con glioblastoma di nuova diagnosi che ospita un promotore non metilato O6-metilguanina-DNA metiltransferasi ( MGMT ), Temozolomide ( temodal ) standard ha, nella migliore delle ipotesi, limitata efficacia.
Lo studio GLARIUS ha esaminato Bevacizumab ( Avastin ) e Irinotecan ( BEV + IRI ) come alternativa alla Temozolomide.

In questo studio di fase II, in cieco, 182 pazienti sono stati randomizzati in 22 Centri a Bevacizumab ( 10 mg/kg ogni 2 settimane ) durante la radioterapia, seguito da mantenimento con Bevacizumab ( 10 mg/kg ogni 2 settimane ) più Irinotecan ( 125 mg/m2 ogni 2 settimane ) o Temozolomide ogni giorno ( 75 mg/m2 ) durante radioterapia, seguito da sei cicli di Temozolomide ( 150-200 mg/m2/die per 5 giorni ogni 4 settimane ).

L'endpoint primario era il tasso di sopravvivenza libera da progressione a 6 mesi ( PFS-6 ).

Nella popolazione modificata intention-to-treat ( ITT ), la sopravvivenza libera da progressione a 6 mesi è aumentata dal 42.6% con Temozolomide al 79.3% con Bevacizumab + Irinotecan ( P minore di 0.001 ).

La sopravvivenza libera da progressione è risultata prolungata da una mediana di 5.99 mesi a 9.7 mesi ( P minore di 0.001 ).

Nel corso della progressione, è stata somministrata la terapia con Bevacizumab in crossover all’81.8% di tutti i pazienti che hanno ricevuto qualche tipo di terapia di seconda linea nel braccio Temozolomide.

La sopravvivenza globale non era differente nei due bracci: sopravvivenza globale mediana è stata di 16.6 mesi con Bevacizumab + Irinotecan, ed è stata pari a 17.5 mesi con Temozolomide.

L'andamento nel tempo della qualità di vita ( QOL ) in sei domini selezionati del questionario European Organisation for Research and Treatment of Cancer Quality-of-Life Questionnaire ( QLQ ) -C30 e QLQ-BN20 ( che comprendeva funzioni cognitive ), del punteggio di performance di Karnofsky, e del punteggio alla scala MMSE ( Mini Mental State Examination ) non era differente tra i bracci di trattamento.

In conclusione l’associazione Bevacizumab e Irinotecan ha comportato un superiore tasso di sopravvivenza libera da progressione a 6 mesi e di sopravvivenza mediana libera da progressione rispetto a Temozolomide.
Tuttavia, Bevacizumab più Irinotecan non ha migliorato la sopravvivenza globale, potenzialmente a causa dell’alto tasso di crossover.
La combinazione Bevacizumab più Irinotecan non ha alterato la qualità di vita rispetto a Temozolomide. ( Xagena2016 )

Herrlinger U et al, J Clin Oncol 2016; 34: 1611-1619

Neuro2016 Onco2016 Farma2016


Indietro