Roche Oncologia
OncoHub
Oncologia Morabito
Novartis

Breve soppressione degli androgeni e incremento graduale della dose di radiazioni per cancro alla prostata localizzato a medio e alto rischio


Fino al 30% dei pazienti che si sottopongono a radioterapia per tumore alla prostata localizzato a rischio intermedio o alto va incontro a recidiva biochimica entro 5 anni.
Si è valutato se la sopravvivenza libera da malattia biochimica ( DFS ) migliori con l'aggiunta di 6 mesi di soppressione degli androgeni ( 2 iniezioni ogni 3 mesi a lento rilascio di ormone luteinizzante-agonista dell’ormone di rilascio ) alla radioterapia primaria per carcinoma alla prostata localizzato a intermedio o alto rischio.

In totale sono stati studiati 819 pazienti: cT1b-C, con antigene prostatico specifico ( PSA ) maggiore o uguale a 10 ng/ml o Gleason maggiore o uguale a 7; o cT2a ( International Union Against Cancer TNM 1997 ), con nessun coinvolgimento dei linfonodi pelvici e nessuna evidenza clinica di diffusione metastatica, con PSA minore o uguale a 50 ng/ml.

I pazienti sono stati randomizzati a radioterapia o radioterapia più soppressione androgenica con inizio il giorno 1 della radioterapia.

Si è optato per una dose ( 70, 74, o 78 Gy ).

La sopravvivenza libera da malattia biochimica, l'endpoint primario, è stata definita dall’ingresso nello studio fino a ricaduta di PSA ( criteri di Phoenix ) e ricaduta clinica mediante imaging o morte per qualsiasi causa.

L'età media dei pazienti era di 70 anni. Tra i pazienti, il 74.8% era a rischio intermedio e il 24.8% era ad alto rischio.

Nel braccio radioterapia, 407 dei 409 pazienti sono stati sottoposti a radioterapia; nel braccio radioterapia più soppressione androgenica, 403 pazienti hanno ricevuto radioterapia più soppressione androgenica e 3 pazienti hanno ricevuto solo radioterapia.

Al follow-up mediano a 7.2 anni, la radioterapia più la soppressione androgenica ha significativamente migliorato la sopravvivenza libera da malattia biochimica ( hazard ratio, HR=0.52; P minore di 0.001, con 319 eventi ), così come la sopravvivenza libera da progressione clinica ( 205 eventi, HR=0.63; P=0.001 ).

In un'analisi esplorativa, nessuna interazione statisticamente significativa tra effetto del trattamento e dose di radioterapia è stata evidenziata ( eterogeneità P=0.79 e P=0.66, per sopravvivenza libera da malattia biochimica e per la sopravvivenza libera da progressione, rispettivamente ).

I dati di sopravvivenza globale non sono ancora maturi.

In conclusione, 6 mesi di soppressione androgenica concomitante e adiuvante migliora la sopravvivenza libera da malattia biochimica e clinica nel carcinoma prostatico cT1b-c/cT2a a rischio intermedio e alto ( senza coinvolgimento dei linfonodi pelvici e nessuna evidenza clinica di metastasi diffuse ) trattato con radiazioni. ( Xagena2016 )

Bolla M et al, J Clin Oncol 2016; 34: 1748-1756

Uro2016 Onco2016 Med2016



Indietro