Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGeriatria
Tumore Ovaie

Carico mutazionale del tumore come biomarcatore nel tumore polmonare non-a-piccole cellule resecato


Il beneficio in termini di sopravvivenza con chemioterapia adiuvante per i pazienti con cancro polmonare non-a-piccole cellule in stadio II-III resecato ( NSCLC ) è modesto.
Gli sforzi per sviluppare biomarcatori prognostici o predittivi in ​​questi pazienti non hanno prodotto test clinicamente utili.

Sono stati riportati i risultati dello studio LACE-Bio-II ( Lung Adjuvant Cisplatin Evaluation ), in cui sono stati analizzati i dati del sequenziamento di nuova generazione e i risultati a lungo termine da più di 900 pazienti con tumore NSCLC in stadio iniziale trattati prospetticamente in studi clinici in setting adiuvante.

È stato utilizzato un panel genetico mirato per valutare l'effetto prognostico e predittivo delle mutazioni nei singoli geni, nelle vie di riparazione del DNA e nel carico mutazionale del tumore ( TMB ).

Sono stati sequenziati in totale 908 campioni di carcinoma al polmone resecato, fissati in formalina, inclusi in paraffina, utilizzando un panel mirato di 1.538 geni.
Sono stati applicati i criteri di filtraggio rigorosi per escludere varianti della linea germinale e artefatti correlati alla fissazione della formalina.
Sono state valutate la sopravvivenza libera da malattia ( DFS ), sopravvivenza globale ( OS ) e sopravvivenza specifica per cancro del polmone ( LCSS ), stratificando per lo studio e aggiustando per trattamento, età, sesso, punteggio di prestazione, istologia, tipo di chirurgia e stadio.

Mutazioni non-sinonime sono state identificate in 1.515 geni in 908 campioni di tumore.

L'alto valore di TMB non-sinonimo ( superiore a 8 mutazioni/Mb ) era prognostico per esiti favorevoli ( cioè sopravvivenza globale, sopravvivenza libera da malattia e sopravvivenza specifica per tumore polmonare ) in pazienti con tumore NSCLC resecato.

Il beneficio di sopravvivenza specifica per tumore al polmone con chemioterapia adiuvante è risultato più pronunciato nei pazienti con basso valore di TMB non-sinonimo ( inferiore o uguale a 4 mutazioni/Mb ).

La presenza di mutazioni nelle vie di riparazione del DNA, linfociti infiltranti il ​​tumore, sottotipo di alterazione TP53 ed eterogeneità intratumorale non è stata né prognostica né predittiva.

L'effetto statisticamente significativo delle mutazioni nei singoli geni era difficile da determinare a causa degli alti tassi di scoperta di errori.

In conclusione, un alto valore di TMB non-sinonimo è risultato associato a una prognosi migliore nei pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule, resecato.
Inoltre, il beneficio della chemioterapia adiuvante riguardo alla sopravvivenza specifica per cancro al polmone è risultato più pronunciato nei pazienti con basso TMB non-sinonimo.
Sono necessari studi per confermare questi risultati. ( Xagena2018 )

Devarakonda S et al, J Clin Oncol 2018; 36: 2995-3006

Onco2018 Pneumo2018



Indietro