Oncologia Morabito
Roche Oncologia
Cortinovis SCLC 2021
Tumore prostata

Cemiplimab nel carcinoma basocellulare localmente avanzato dopo terapia con inibitori della via di segnalazione di Hedgehog


Prima di febbraio 2021, non esisteva un regime di trattamento standard per il carcinoma basocellulare localmente avanzato dopo la terapia di prima linea con inibitori Hedgehog ( HHI ).

Cemiplimab ( Libtayo ), un anticorpo anti-PD-1, è approvato per il trattamento del carcinoma cutaneo a cellule squamose avanzato e ha mostrato attività clinica come monoterapia di prima linea nel tumore polmonare non-a-piccole cellule.

Sono stati presentati i dati dell'analisi primaria di Cemiplimab nei pazienti con carcinoma basocellulare localmente avanzato dopo terapia a base di inibitori della via di segnalazione di Hedgehog.

È stato condotto uno studio di fase 2, in aperto, multicentrico, a braccio singolo in 38 cliniche ambulatoriali, principalmente presso centri medici accademici, in Canada, Europa e Stati Uniti.
Sono stati arruolati pazienti eleggibili di età maggiore o uguale a 18 anni e con ECOG performance status di 0 o 1, con diagnosi istologicamente confermata di carcinoma basocellulare metastatico ( gruppo 1 ) o carcinoma basocellulare localmente avanzato ( gruppo 2 ) che erano progrediti o erano intolleranti alla precedente terapia con inibitori della via di Hedgehog.

I pazienti non erano candidati per un'ulteriore terapia con inibitori della via di Hedgehog a causa della progressione della malattia o dell'intolleranza alla precedente terapia con inibitori Hedgehog o per avere una malattia non-migliore di stabile dopo 9 mesi di terapia . con inibitori della via di Hedgehog.
I pazienti hanno ricevuto Cemiplimab 350 mg per via endovenosa ogni 3 settimane fino a 93 settimane o fino a progressione o tossicità inaccettabile.

L'endpoint primario era la risposta obiettiva da parte di una revisione centrale indipendente.
Le analisi sono state eseguite secondo il principio dell'intention-to-treat. L'analisi di sicurezza ha compreso tutti i pazienti che avevano ricevuto almeno una dose di Cemiplimab.

L'analisi primaria è riportata solo per il gruppo 2; i dati del gruppo 1 non hanno raggiunto la maturità e saranno riportati quando il timepoint, secondo il piano di analisi statistica, sarà raggiunto.

Tra il 2017 e il 2019, 84 pazienti sono stati arruolati e trattati con Cemiplimab. Al cutoff dei dati nel 2020, la durata mediana del follow-up era di 15 mesi.

Una risposta obiettiva per revisione centrale indipendente è stata osservata in 26 pazienti su 84 ( 31% ), incluse due risposte parziali emerse alle valutazioni del tumore prima del cutoff dei dati e confermate dalle valutazioni del tumore effettuate dopo il cutoff dei dati.

La migliore risposta complessiva è stata di 5 pazienti ( 6% ) con risposta completa e 21 ( 25% ) con risposta parziale.

Eventi avversi di grado 3-4 emergenti dal trattamento si sono verificati in 40 pazienti su 84 ( 48% ); i più comuni erano l'ipertensione ( 4 su 84 pazienti, 5% ) e la colite ( 4, 5% ).
Eventi avversi gravi emergenti dal trattamento si sono verificati in 29 pazienti su 84 ( 35% ).
Non ci sono stati decessi correlati al trattamento.

Cemiplimab ha mostrato una attività antitumorale clinicamente significativa e un profilo di sicurezza accettabile nei pazienti con carcinoma basocellulare localmente avanzato dopo la terapia con inibitori della via di Hedgehog. ( Xagena2021 )

Stratigos AJ et al, Lancet Oncology 2021; 22: 848-857

Dermo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro