Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGinecologia
Tumore Vescica

Effetto della chemioterapia neoadiuvante più ipertermia regionale sugli esiti a lungo termine tra i pazienti con sarcoma dei tessuti molli ad alto rischio localizzato


I pazienti con sarcoma dei tessuti molli sono a rischio di recidiva locale e metastasi a distanza nonostante un trattamento locale ottimale.
Le antracicline preoperatorie più la chemioterapia con Ifosfamide migliorano l'esito nei sottotipi istologici comuni.

Si è analizzato se il miglioramento precedentemente riportato nella sopravvivenza libera da progressione locale aggiungendo ipertermia regionale alla chemioterapia neoadiuvante si traduca in una migliore sopravvivenza.

Uno studio clinico randomizzato di fase 3, in aperto, ha valutato l'efficacia e gli effetti tossici della chemioterapia neoadiuvante e dell'ipertermia regionale.

Pazienti adulti ( età maggiore o uguale a 18 anni ) con sarcoma localizzato dei tessuti molli ( tumore maggiore o uguale a 5 cm, grado French Federation Nationale des Centers de Lutte Contre le Cancer FNCLCC 2 o 3, profondo ) sono stati raccolti da 9 Centri ( 6, Germania; 1, Norvegia; 1, Austria; 1, Stati Uniti ) dal 1997 al 2006.
Il follow-up è terminato nel 2014.

Dopo la stratificazione per la presentazione e il sito del tumore, i pazienti sono stati assegnati in modo casuale a chemioterapia neoadiuvante composta da Doxorubicina, Ifosfamide ed Etoposide da sola o combinata con ipertermia regionale.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione locale. Gli endpoint secondari comprendevano la sicurezza del trattamento e la sopravvivenza, con sopravvivenza definita dalla data della randomizzazione alla morte a causa di malattia o del trattamento.

In totale 341 pazienti sono stati randomizzati, e 329 ( età mediana 51 anni, 147 donne, 182 uomini ) erano idonei per l'analisi intention-to-treat.
A dicembre 2014, 220 pazienti ( 67% ) avevano presentato una recidiva della malattia e 188 ( 57% ) erano deceduti.
Il follow-up mediano è stato di 11.3 anni.

Rispetto alla sola chemioterapia neoadiuvante, l'aggiunta di ipertermia regionale ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione locale ( hazard ratio, HR=0.65, P=0.002 ).

I pazienti randomizzati a chemioterapia più ipertermia hanno avuto tassi di sopravvivenza prolungati rispetto a quelli randomizzati alla sola chemioterapia neoadiuvante ( HR=0.73, P=0.04 ) con una sopravvivenza a 5 anni del 62.7% vs 51.3%, rispettivamente, e una sopravvivenza a 10 anni del 52.6% vs 42.7%.

In conclusione, tra i pazienti con sarcoma dei tessuti molli localizzato ad alto rischio, l'aggiunta di ipertermia regionale alla chemioterapia neoadiuvante ha portato a un aumento della sopravvivenza e a sopravvivenza libera da progressione locale.
Per i pazienti candidati al trattamento neoadiuvante, può essere giustificata l'aggiunta di ipertermia regionale. ( Xagena2018 )

Issels RD et al, JAMA Oncol 2018; 4: 483-492

Onco2018 Med2018 Farma2018


Indietro