BMS
Novartis
Roche Oncologia
Lung Unit

Effetto di mFOLFOX6 dopo chemioradiazione neoadiuvante per cancro del retto localmente avanzato


I pazienti affetti da cancro del retto localmente avanzato che raggiungono una risposta completa patologica alla chemioradioterapia neoadiuvante hanno una prognosi migliore.
La necessità di un intervento chirurgico in questi pazienti è stata messa in discussione, ma la proporzione di pazienti che raggiungono una risposta patologica completa è piccola.

Uno studio ha valutato se l'aggiunta di cicli di mFOLFOX6 tra la chemioradioterapia e la chirurgia porti a un aumento della proporzione di pazienti che ottengono una risposta patologica completa.

Uno studio di fase 2, non-randomizzato, costituito da quattro gruppi di studio di pazienti con cancro del retto localmente avanzato in stadio II-III presso 17 Centri negli Stati Uniti e in Canada, ha coinvolto soggetti che hanno ricevuto chemioradioterapia ( Fluorouracile 225 mg/m2 al giorno per infusione continua durante la radioterapia, e 45.0 Gy in 25 frazioni, 5 giorni alla settimana per 5 settimane, seguita da un aumento minimo di 5.4 Gy ).

I pazienti nel gruppo 1 avevano subito escissione totale del mesoretto 6-8 settimane dopo la chemioradioterapia.
I pazienti nei gruppi 2-4 hanno ricevuto 2, 4 o 6 cicli di mFOLFOX6 rispettivamente, tra la chemioradioterapia e l’escissione totale del mesoretto.
Ogni ciclo di mFOLFOX6 consisteva di Leucovorina racemica 200 mg/m2 o 400 mg/m2, a discrezione del medico, Oxaliplatino 85 mg/m2 in 2 ore di infusione, Fluorouracile in bolo di 400 mg/m2 al giorno 1, e Fluorouracile 2.400 mg/m2 in 46 ore di infusione.

L'endpoint primario era rappresentato dalla percentuale di pazienti che raggiungevano una risposta patologica completa.

Tra il 2004 e il 2012, sono stati selezionati 259 pazienti ( 60 nel gruppo 1, 67 nel gruppo 2, 67 nel gruppo 3, e 65 in gruppo 4 ) che soddisfacevano i criteri per l'analisi.

11 pazienti ( 18% ) su 60 nel gruppo 1, 17 ( 25% ) su 67 nel gruppo 2, 20 ( 30% ) su 67 nel gruppo 3 e 25 ( 38% ) su 65 nel gruppo 4 hanno raggiunto una risposta patologica completa ( P=0.0036 ).

Il gruppo di studio è risultato associato in modo indipendente alla risposta patologica completa ( gruppo 4 rispetto al gruppo 1 odds ratio, OR=3.49, P=0.011 ).

Nel gruppo 2, 2 pazienti ( 3% ) su 67 hanno presentato eventi avversi di grado 3 associati alla somministrazione neoadiuvante di mFOLFOX6 e 1 ( 1% ) ha avuto un evento avverso di grado 4; nel gruppo 3, 12 pazienti ( 18% ) su 67 hanno manifestato eventi avversi di grado 3; nel gruppo 4, 18 pazienti ( 28% ) su 65 hanno avuto eventi avversi di grado 3 e 5 ( 8% ) sono andati incontro a eventi avversi di grado 4.

I più comuni eventi avversi di grado 3 o superiore associati alla somministrazione neoadiuvante di mFOLFOX6 tra i gruppi 2-4 sono stati neutropenia ( 5 nel gruppo 3 e 6 nel gruppo 4 ) e linfopenia ( 3 nel gruppo 3 e 4 nel gruppo 4 ).

In tutti i gruppi di studio, si sono verificate 25 complicazioni correlate alla chirurgia di grado 3 o superiore ( 10 nel gruppo 1, 5 nel gruppo 2, 3 nel gruppo 3 e 7 nel gruppo 4 ); le più comuni sono state ascessi pelvici ( 7 pazienti ) e perdite anastomotiche ( 7 pazienti ).

La somministrazione di mFOLFOX6 dopo la chemioradioterapia e prima dell’escissione totale del mesoretto può aumentare la percentuale di pazienti che possono beneficiare di strategie di trattamento meno invasive; questo regime è in fase di sperimentazione in studi clinici di fase 3. ( Xagena2015 )

Garcia-Aguilar J et al, Lancet 2015; 16: p957-966

Onco2015 Gastro2015 Farma2015


Indietro