Oncologia Morabito
Roche Oncologia
Cortinovis SCLC 2021
Tumore prostata

Efficacia di Pembrolizumab nei pazienti con tumore non-colorettale ad elevata instabilità dei microsatelliti / deficit di riparazione del mismatch: studio KEYNOTE-158


I genomi dei tumori che sono carenti nella riparazione del mismatch del DNA ( dMMR ) presentano un'elevata instabilità dei microsatelliti ( MSI-H ) e ospitano da centinaia a migliaia di mutazioni somatiche che codificano potenziali neoantigeni.
È quindi probabile che tali tumori siano immunogenici, innescando la sovraregolazione delle proteine ​​del checkpoint immunitario.

Pembrolizumab ( Keytruda ), un anticorpo monoclonale anti-PD-1, ha attività antitumorale contro il tumore MSI-H / dMMR.

Sono stati riportati i dati dello studio di fase II KEYNOTE-158 su Pembrolizumab in pazienti con tumore MSI-H / dMMR non-colorettale avanzato precedentemente trattato.

I pazienti eleggibili con tumore non-colorettale avanzato MSI-H / dMMR confermato istologicamente / citologicamente, e che hanno avuto un fallimento con terapia precedente, hanno ricevuto Pembrolizumab 200 mg una volta ogni 3 settimane per 2 anni o fino a progressione della malattia, tossicità inaccettabile o ritiro del paziente.

L'imaging radiologico è stato eseguito ogni 9 settimane per il primo anno di terapia e successivamente ogni 12 settimane.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva secondo i criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi, versione 1.1, valutato mediante revisione radiologica indipendente.

Tra i 233 pazienti arruolati, erano rappresentati 27 tipi di tumore; i più comuni erano i tumori dell'endometrio, gastrico, colangiocarcinoma e pancreatico.
Il follow-up mediano è stato di 13.4 mesi.

Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) è stato del 34.3%.

La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediana è stata di 4.1 mesi e la sopravvivenza globale ( OS ) mediana è stata di 23.5 mesi.

Eventi avversi correlati al trattamento si sono verificati in 151 pazienti ( 64.8% ). 34 pazienti ( 14.6% ) hanno avuto eventi avversi correlati al trattamento di grado da 3 a 5.
La polmonite di grado 5 si è verificata in un paziente; non ci sono stati altri eventi avversi fatali correlati al trattamento.

Lo studio ha dimostrato il beneficio clinico della terapia anti-PD-1 con Pembrolizumab tra i pazienti con tumore non-colorettale MSI-H / dMMR non-resecabile o metastatico precedentemente trattato.
La tossicità era coerente con la precedente esperienza di monoterapia con Pembrolizumab. ( Xagena2020 )

Marabelle A et al, J Clin Oncol 2020; 38: 1-10

Onco2020 Farma2020


Indietro