Janssen Oncology
OncoHub
Novartis
Oncologia Morabito

Esiti di sopravvivenza negli anziani con cancro alla prostata resistente alla castrazione non-metastatico trattati con inibitori del recettore degli androgeni


Poco si sa sul profilo rischio-beneficio degli inibitori del recettore degli androgeni di seconda generazione negli uomini anziani con tumore prostatico resistente alla castrazione non-metastatico.
Sono state esaminate l'efficacia e la sicurezza degli inibitori del recettore degli androgeni di seconda generazione in uomini di età pari o superiore a 80 anni con tumore prostatico resistente alla castrazione non-metastatico.

Sono stati cercati studi clinici controllati randomizzati che hanno valutato gli inibitori del recettore degli androgeni di seconda generazione nei pazienti con tumore prostatico resistente alla castrazione non-metastatico presentati alla FDA ( Food and Drug Administration ) degli Stati Uniti prima del 15 agosto 2020 e sono stati riuniti i dati di tre studi che hanno soddisfatto i criteri di selezione.

Tutti e tre gli studi hanno arruolato pazienti di età pari o superiore a 18 anni con ECOG performance status di 0-1, tumore prostatico resistente alla castrazione, antigene prostatico specifico ( PSA ) 2.0 microg/l o superiore, tempo di raddoppio del PSA di 10 mesi o meno e nessuna evidenza di malattia metastatica a distanza sull'imaging convenzionale secondo la valutazione dello sperimentatore al momento dello screening.

Tutti i pazienti avevano un adenocarcinoma della prostata confermato istologicamente o citologicamente senza differenziazione neuroendocrina o caratteristiche a piccole cellule.
Tutti i pazienti che sono stati assegnati in modo casuale a gruppi di inibitori del recettore degli androgeni oppure placebo in questi studi sono stati considerati valutabili e sono stati inclusi in questa analisi aggregata.

È stato valutato l'effetto dell'età sulla sopravvivenza libera da metastasi e sulla sopravvivenza globale tra i gruppi di età ( inferiore a 80 anni vs 80 anni o superiore ) nella popolazione intent-to-treat ( ITT ).
Le analisi di sicurezza sono state effettuate in pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del trattamento in studio.

Tra il 2013 e il 2018, 4.117 pazienti sono stati assegnati all'inibitore del recettore degli androgeni ( Apalutamide [ Erleada ], Enzalutamide [ Xtandi ] o Darolutamide [ Nubeqa ]; n=2.694 ) oppure al placebo ( n=1.423 ) in tre studi randomizzati.

La durata mediana del follow-up per la sopravvivenza libera da metastasi ( MFS ) è stata di 18 mesi e per la sopravvivenza globale ( OS ) di 44 mesi.
Nei pazienti di età pari o superiore a 80 anni ( n=1.023 ), la sopravvivenza mediana libera da metastasi stimata è stata di 40 mesi nei gruppi di inibitori del recettore degli androgeni e 22 mesi nei gruppi placebo ( hazard ratio aggiustato, aHR=0.37 ) e la sopravvivenza globale mediana è stata di 54 mesi versus 49 mesi, rispettivamente ( aHR=0.79 ).

Nei pazienti di età inferiore a 80 anni ( n=3.094 ), la sopravvivenza mediana libera da metastasi stimata è stata di 41 mesi nei gruppi di inibitori del recettore degli androgeni e di 16 mesi nei gruppi placebo ( aHR=0.31 ) e la sopravvivenza globale mediana è stata di 74 mesi versus 61 mesi, rispettivamente ( aHR=0.69 ).

Nei pazienti di età pari o superiore a 80 anni, sono stati segnalati eventi avversi di grado 3 o peggiore in 371 pazienti su 672 ( 55% ) nei gruppi inibitori del recettore degli androgeni e 140 su 344 pazienti ( 41% ) nei gruppi placebo, rispetto a 878 su 2.015 pazienti ( 44% ) nei gruppi inibitori del recettore degli androgeni e 321 su 1.073 pazienti ( 30% ) nei gruppi placebo tra i pazienti di età inferiore a 80 anni.

Gli eventi avversi di grado 3-4 più comuni sono stati: l'ipertensione ( 168 su 2.015 pazienti, 8%, di età inferiore a 80 anni e 51 su 672 pazienti, 8%, di età maggiore o uguale a 80 anni nei gruppi inibitori del recettore degli androgeni vs 53 su 1.073 pazienti, 5%, di età inferiore a 80 anni e 22 su 344 pazienti, 6%, di età maggiore o uguale a 80 anni nei gruppi placebo ) e frattura ( 61, 3%, e 36, 5%, nei gruppi inibitori del recettore degli androgeni vs 15, 1%, e 11, 3%, nei gruppi placebo ).

I risultati di questa analisi aggregata supportano l'uso di inibitori del recettore degli androgeni negli uomini anziani con tumore alla prostata resistente alla castrazione non-metastatico.
L'integrazione di strumenti di valutazione geriatrica nella cura degli anziani con tumore prostatico resistente alla castrazione non-metastatico potrebbe aiutare i medici a offrire un trattamento individualizzato a ciascun paziente. ( Xagena2021 )

Fallah J et al, Lancet Oncology 2021; 22: 1230-1239

Uro2021 Onco2021 Farma2021


Indietro