Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Ovaie
ForumOncologico

Funzionalità gonadica e percezione del rischio di infertilità tra adulti sopravvissuti a tumore infantile: St. Jude Lifetime Cohort Study


È stata descritta la percezione del rischio di infertilità tra i sopravvissuti adulti a tumore infantile, è stata esaminata la concordanza delle percezioni del rischio dei sopravvissuti e il loro stato di fertilità adulta e sono stati identificati i fattori esplicativi ( fattori sociodemografici, trattamenti gonadotossici, storia riproduttiva, disfunzione sessuale ) associati a questi esiti.

I sopravvissuti al tumore nella prima infanzia ( n=1.067, senza figli o con una storia di gravidanze ) hanno completato questionari che chiedevano le percezioni del rischio di infertilità e hanno partecipato a valutazioni fisiche, inclusa la rilevazione di biomarcatori del funzionamento delle gonadi ( analisi dello sperma, livelli di ormoni nel sangue, mestruazioni ).
Sono state analizzate le associazioni tra fattori esplicativi e percezioni del rischio, nonché concordanza delle percezioni e stato di fertilità.

La maggior parte dei sopravvissuti a tumore infantile ( 61.9% ) si riteneva ad aumentato rischio di infertilità, dato significativamente associato a fattori sociodemografici ( età avanzata, etnia bianca, matrimonio / relazione con un partner, istruzione superiore ), trattamenti gonadotossici, problemi di fertilità, precedenti tentativi falliti di concepire e disfunzione sessuale ( tutti P minore di 0.05 ).

Funzionalità gonadica alterata in laboratorio è stata riscontrata nel 24.3% delle donne e nel 55.6% dei sopravvissuti di sesso maschile, ma la concordanza con le percezioni di rischio dei sopravvissuti è stata bassa ( kappa di Cohen minore di 0.19 ).

La maggior parte dei sopravvissuti con percezioni discordanti ha sovrastimato il rischio ( si è cioè percepito a rischio, sebbene lo stato di fertilità fosse normale: 19.7% degli uomini e 43.6% delle donne sopravvissute ), mentre una minoranza ha sottostimato il rischio ( cioè non percepiva alcun rischio ma era danneggiato / sterile; 16.3% degli uomini e 5.3% delle donne sopravvissute ).
I fattori correlati alla discordanza comprendevano sociodemografia, trattamenti gonadotossici, problemi di fertilità e disfunzione sessuale ( tutti P minore di 0.05 ).

Sebbene i sopravvissuti senza bambini possano considerarsi correttamente a rischio di infertilità sulla base dei trattamenti precedenti, tali percezioni di rischio erano discordanti rispetto allo stato di fertilità valutato in laboratorio tra molti sopravvissuti in età adulta.
Pertanto, una comunicazione ripetuta sulla fertilità durante la sopravvivenza è essenziale, poiché il rischio indicato dal trattamento non è uguale allo stato di fertilità dopo il trattamento.
Viene consigliato di offrire test di fertilità a coloro che erano a rischio e/o con preoccupazioni legate alla fertilità. ( Xagena2019 )

Lehmann V et al, J Clin Oncol 2019; 37: 893-902

Endo2019 Pedia2019 Onco2019



Indietro