Oncologia Morabito
Cortinovis SCLC 2021
Roche Oncologia
Tumore prostata

Gestione del seminoma del testicolo di fase II in un periodo di 40 anni


E’stata compiuta una revisione del trattamento, della tossicità, e degli esiti nei pazienti con seminoma di stadio II dopo orchiectomia.

Nel periodo 1965-2005, un totale di 106 pazienti ( 83 con stadio IIA, 19 con stadio IIB, e 4 con stadio IIC ) sono giunti all’osservazione.
L'età media dei pazienti al momento della diagnosi era di 36 anni ( range: 19-71 ).
Il follow-up è stato di 21 anni ( range: 1.2-42 ).

Ottantanove pazienti sono stati trattati con sola radioterapia adiuvante; 13 pazienti hanno ricevuto una modalità di trattamento combinato con la chemioterapia e la radioterapia dopo orchiectomia, 4 pazienti sono stati trattati con la sola chemioterapia.

Generalmente il trattamento è stato ben tollerato, con la principale tossicità riscontrata nei pazienti trattati con radioterapia a campo esteso.

La sopravvivenza specifica per la malattia a 5 anni è stata del 96% per l'intero gruppo.

Le sopravvivenze senza recidiva a 5 anni per gli stadi della malattia IIA, IIB e IIC sono state rispettivamente, pari a 94%, 72.5% e 75%.

Quindici pazienti hanno sviluppato una ricaduta e sono stati gestiti mediante chemioterapia; 5 di loro hanno raggiunto la remissione completa e sono rimasti liberi da ulteriori recidive alla fine del follow-up, mentre 10 sono deceduti a causa della malattia.

Tumori secondari sono stati diagnosticati in 4 ( 3.7% ) pazienti durante il follow-up.

In conclusione, nel seminoma di stadio IIA, la radioterapia continua a fornire ottimi risultati.
La radioterapia o la chemioterapia dovrebbero essere offerti come alternativa ai pazienti di stadio IIB.
La chemioterapia rimane il trattamento di scelta per il seminoma di stadio IIC. ( Xagena2009 )

Detti B et al, Urol Oncol 2009;27:534-538

Uro2009 Onco2009


Indietro