Lung Unit
Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Tumore rene
ForumOncologico

Gli uomini con carcinoma papillare della tiroide con mutazione nel gene BRAF possono presentare una peggiore sopravvivenza


Una analisi retrospettiva ha mostrato che il sesso maschile sembra essere un fattore di rischio indipendente per esiti clinici sfavorevoli tra i pazienti con carcinoma papillare della tiroide con mutazione BRAF V600E.

Il cancro papillare alla tiroide rappresenta l'85-90% di tutte le neoplasie della tiroide e, sebbene generalmente indolente, può essere aggressivo in alcuni casi.

Il sesso maschile è rimasto un controverso fattore di rischio per il carcinoma papillare della tiroide, dimostrando un effetto negativo in alcuni, ma non in tutti, gli studi.

I ricercatori hanno cercato di determinare se la mutazione BRAF V600E, che è associata a un comportamento aggressivo del tumore e si verifica tra il 45% dei tumori papillari della tiroide, potrebbe costituire un background genetico che conferisce il rischio di mortalità per il sesso maschile e, quindi, se lo stato di BRAF sia in grado di differenziare il rischio prognostico del sesso maschile.

L'analisi ha incluso 2.638 pazienti ( 76.4% donne; età media alla diagnosi, 46 anni ) con carcinoma papillare della tiroide, arruolati in 11 Centri medici in 6 Paesi, sottoposti a tiroidectomia totale o quasi totale e dissezione terapeutica del collo.

Il DNA genomico era stato in precedenza isolato dai tumori papillari primitivi della tiroide e sequenziato all'esone 15 del gene BRAF per identificare la mutazione BRAF V600E.
L'analisi per determinare lo stato di mutazione è stata effettuata in modo retrospettivo.

Il tempo di follow-up clinico mediano è stato di 58 mesi ( intervallo interquartile, 26-107 ).

La prevalenza complessiva della mutazione BRAF V600E è stata del 41.8% e non differiva tra uomini ( 43.8% ) e donne ( 41.2% ).

L'incidenza di metastasi a distanza non differiva tra uomini e donne con carcinoma papillare della tiroide wild-type.
Tuttavia, tra i pazienti con malattia con mutazione BRAF V600E, un numero significativamente maggiore di uomini rispetto alle donne presentava metastasi a distanza, un fattore di rischio per la mortalità ( 8.9% vs 3.7%; P = 0.001 ).

I tassi di mortalità erano significativamente più alti tra uomini e donne con malattia con mutazione BRAF V600E ( 6.6% vs 2.9%, hazard ratio, HR=2.43, IC 95%, 1.3-4.53 ), una associazione che persisteva dopo aggiustamento multivariabile clinico-patologico ( HR = 2.74; IC 95%, 1.38-5.43 ).

Tuttavia, tra quelli con carcinoma papillare della tiroide BRAF wild-type, il tasso di mortalità è stato dell'1.4% tra gli uomini contro lo 0.9% tra le donne ( HR = 1.59, IC 95%, 0.55-4.57 ).
Gli uomini non hanno dimostrato un aumento significativo del rischio di mortalità dopo aggiustamento multivariabile di tipo clinico-patologico ( HR = 0.7; IC 95%, 0.23-2.09 ).

Nel carcinoma papillare della tiroide con variante convenzionale, il sesso maschile non ha avuto alcun impatto sui pazienti con malattia con BRAF wild-type.
Tuttavia, tra quelli con malattia BRAF V600E, i tassi di mortalità sono stati del 7.2% tra gli uomini contro il 2.9% tra le donne ( HR=2.86, IC 95%, 1.45-5.67 ).
Questo è rimasto significativo dopo aggiustamento multivariabile ( HR=3.51, IC 95%, 1.62-7.63 ). ( Xagena2018 )

Fonte: Journal of Clinical Oncology, 2018

Onco2018 Endo2018 Farma2018


Indietro