Gilead Banner
Bayer Banner
Natera Banner
Tumore prostata

Identificazione di microRNA sopprimenti le metastasi nel melanoma primario


Il trattamento chirurgico del melanoma primario rappresenta una strategia efficace nella maggior parte dei pazienti con malattia clinicamente localizzata al momento della diagnosi; nonostante ciò, un considerevole numero di pazienti sviluppa recidiva e progredisce allo stadio avanzato della malattia.
La comprensione delle alterazioni molecolari che influenzano la differente progressione del tumore a partire da lesioni istopatologicamente simili può portare a una migliore prognosi e allo sviluppo di terapie in grado di rallentare o prevenire lo sviluppo di metastasi.

Uno studio clinico ha esaminato la disregolazione dei microRNA attraverso l'analisi dei profili di espressione di 92 casi di melanoma primario.
I potenziali microRNA sono stati identificati in base alla differente espressione nelle forme recidivanti o meno di tumore o in base all'associazione con lo spessore del tumore primario ( test T di Student, Benjamini-Hochberg False Discovery Rate [ FDR ] minore di 0.05 ), osservate nei saggi di invasione in vitro.
I microRNA responsabili dello sviluppo di metastasi e i loro meccanismi d'azione a livello molecolare e cellulare sono stati identificati per mezzo di saggi in vivo per le metastasi, esperimenti di rimodellamento della matrice e studi molecolari.

Lo studio ha identificato due microRNA ( hsa-miR-382, hsa-miR-516b ) la cui espressione è risultata più bassa nelle varianti tumorali aggressive rispetto alle forme non-aggressive di tumore primario e che erano in grado di sopprimere l'invasione in vitro e la metastatizzazione in vivo ( numero medio di foci metastatici; gruppo di controllo: 37.9; intervallo di confidenza [ IC ] 95%: 25.6-50.2; miR-382: 19.5; IC 95%: 12.2-26.9; P = 0.009; miR-516b: 12.5; IC 95%: 7.7-17.4; P inferiore a 0.001, Test T di Student ).

Dal punto di vista meccanicistico, le analisi hanno evidenziato che la sovraespressione di miR-382 è in grado di inibire la degradazione della matrice extracellulare ad opera delle cellule tumorali di melanoma.

I regolatori dell'actina CTTN, RAC1 e ARPC2 sono inoltre risultati essere i bersagli diretti di miR-382.

La deplezione di CTTN ha parzialmente spiegato gli effetti di miR-382 sul rimodellamento della matrice, invasione e metastasi tumorale.

Al contrario, l'inibizione di miR-382 in una linea cellulare debolmente oncogena di melanoma ha determinato un aumento della progressione tumorale e della metastatizzazione in vivo.

In conclusione, lo studio ha evidenziato che l'espressione aberrante di specifici microRNA in grado di influenzare funzionalmente i processi di progressione del melanoma primario rappresenta uno dei primi eventi responsabili dello sviluppo di melanoma. ( Xagena2015 )

Hanniford D et al, J Natl Cancer Inst 2015; 107 (7): dju494

Onco2015 Dermo2015 Farma2015


Indietro