Lung Unit
Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Tumore Mammella
Tumore polmone

Il DNA tumorale circolante è in grado di predire la risposta agli anticorpi anti-PD1 nel melanoma metastatico


Gli inibitori PD-1 ( morte programmata 1 ) rappresentano un fondamento della gestione medica del melanoma metastatico.
Si è determinato se il DNA tumorale circolante ( ctDNA ) sia in grado di fornire una risposta precoce utile e informazioni prognostiche.

È stata valutata la relazione tra ctDNA pre-trattamento e in fase precoce durante il trattamento e l'esito nei pazienti con melanoma trattati con inibitori PD1 da soli o in combinazione con Ipilimumab ( Yervoy ).

Il ctDNA è stato rilevato in 40/76 pazienti ( 53% ) al basale e correlato con stadio, livelli di LDH ( lattato deidrogenasi ), volume della malattia e performance ECOG.

La risposta RECIST è stata del 72% ( 26/36 ) nel gruppo A ( ctDNA non-rilevabile al basale ), 77% ( 17/22 ) nel gruppo B ( ctDNA elevato al basale ma non-rilevabile entro 12 settimane dalla terapia ) e 6% ( 1/18 ) nel gruppo C ( ctDNA elevato al basale e rimasto elevato durante il trattamento ).

La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediana non è stata raggiunta nei gruppi A e B ed è stata di 2.7 mesi per il gruppo C ( hazard ratio, HR=0.09, P minore di 0.001 per il gruppo A rispetto a C e HR=0.16, P minore di 0.001 per il gruppo B rispetto a C ).

La sopravvivenza globale mediana non è stata raggiunta per i gruppi A e B, ed è stata di 9.2 mesi per il gruppo C ( HR=0.02, P minore di 0.001 per il gruppo A rispetto a C e HR=0.14, P minore di 0.001 per il gruppo B rispetto a C ).

Le misure di esito non-favorevole associate al gruppo C sono rimaste significative nell'analisi multivariata aggiustata per LDH, performance status, fase tumorale e volume della malattia.
Il valore predittivo di ctDNA per la risposta è stato confermato in una coorte di convalida separata ( n=29, P minore di 0.01 ).

In conclusione, la valutazione longitudinale di ctDNA nei pazienti con melanoma metastatico trattati con inibitori PD1 è un predittore accurato di risposta tumorale, sopravvivenza libera da progresione e sopravvivenza globale.
I pazienti che avevano un ctDNA costantemente elevato durante la terapia hanno avuto una prognosi sfavorevole e questo potrebbe guidare la combinazione e la sequenzia di successive terapie. ( Xagena2017 )

Lee JH et al, Ann Oncol 2017; 28: 1130-1136

Onco2017 Farma2017


Indietro