Novartis
BMS
Lung Unit
Tumori testa-collo

Impatto del teratoma sull'incidenza cumulativa della morte correlata alla malattia nei pazienti con tumori a cellule germinali avanzati


Negli uomini con tumori a cellule germinali ( GCT ) metastatici, il trattamento diretto al rischio è determinato, in parte, da una distinzione tra seminoma e tumore a cellule germinali non-seminomatoso ( NSGCT ).
L'importanza del tipo di cellule del tumore NSGCT è incerta.

È stato valutato l'impatto a lungo termine del teratoma sulla sopravvivenza nei pazienti con tumore a cellule germinali non-seminomatoso.

Prechemioterapia, sono stati studiati i tumori primari di pazienti sottoposti a chemioterapia a base di Platino e l'istologia è stata confermata da un patologo genito-urinario.
L'incidenza cumulativa della morte correlata alla malattia ( CIDD ) era l'endpoint primario.

Erano disponibili i tumori di 232 pazienti, di cui 193 con tumore NSGCT. Un elemento di teratoma era presente in 82 tumori primari NSGCT ( 42% ).

Nel corso di un follow-up mediano di 17 anni, sono deceduti 58 pazienti con tumore NSGCT, 47 a seguito di tumori a cellule germinali e 11 per altre cause.

La maggior parte dei decessi da tumori a cellule germinali si sono verificati entro i primi 5 anni ed erano associati allo stato di rischio di pretrattamento ( P minore di 0.001 ).

La morte per altre cause è aumentata costantemente dopo 15 anni e non è stata associata allo stato di rischio ( P=0.66 ).

Una più elevata incidenza di morte correlata alla malattia è stato osservata nei pazienti che avevano tumore NSGCT con teratoma rispetto a quelli con tumore NSGCT senza teratoma e seminoma ( tasso di CIDD a 5 anni, 27.4%, 17.4% e 10.3%, rispettivamente; P=0.03 ).

Una più alta incidenza di morte malattia-correlata è stata riscontrata nei pazienti che presentavano tumore NSGCT con teratoma maturo rispetto a quelli con tumore NSGCT con teratoma immaturo o tumore NSGCT senza teratoma ( tasso di CIDD a 5 anni, 38.1%, 19.9 % e 17.4%, rispettivamente; P=0.01 ).

La presenza di teratoma, in particolare di teratoma maturo, in un tumore a cellule germinali non-seminomatoso primario è associata a una più elevata incidenza di morte associata alla malattia, coerentemente con l'ipotesi che la differenziazione sia correlata a esiti avversi.
La morte per cause non-dovute a tumore a cellule germinali non è associata allo stato di rischio e deve essere separata dalla morte per tumore a cellule germinali quando viene valutata la sopravvivenza a lungo termine. ( Xagena2019 )

Funt SA et al, J Clin Oncol 2019; 37: 2329-2337

Onco2019



Indietro