BMS
Lung Unit
Novartis
Tumore Mammella

Instabilità dei microsatelliti come biomarcatore nel tumore gastrico


Negli studi CLASSIC e MAGIC, l'alta instabilità dei microsatelliti ( MSI ) era un fattore prognostico favorevole e un potenziale fattore predittivo negativo per la chemioterapia neoadiuvante / adiuvante nel tumore gastrico resecabile.
Data la bassa prevalenza dello stato alta-MSI nel carcinoma gastrico e la sua associazione con altre variabili prognostiche positive, sono necessari ampi set di dati per trarre prove affidabili del suo valore prognostico / predittivo.

È stata eseguita una meta-analisi multinazionale sui dati di singoli pazienti del ruolo prognostico / predittivo di instabilità dei microsatelliti in soggetti con tumore dello stomaco resecabile arruolati negli studi MAGIC, CLASSIC, ARTIST e ITACA-S.
Le analisi prognostiche hanno utilizzato modelli di Cox con multivariabili ( MVM ).
Il ruolo predittivo dell'instabilità dei microsatelliti è stato valutato sia in una popolazione a rischio sia negli studi MAGIC e CLASSIC mediante test MVM sull'interazione del trattamento ( chemioterapia più chirurgia versus chirurgia ) con instabilità dei microsatelliti.

Lo stato di instabilità dei microsatelliti era disponibile per 1.556 pazienti: 121 ( 7.8%) avevano uno stato di alta-MSI; 576 erano europei e 980 asiatici.

Nel confronto alta-MSI versus bassa-MSI / microsatelliti stabili ( MSS ), la sopravvivenza a 5 anni libera da malattia ( DFS ) è stata del 71.8% rispetto al 52.3%; la sopravvivenza globale a 5 anni ( OS ) è stata del 77.5% rispetto al 59.3%.
Nei modelli di Cox con multivariabili, l'instabilità dei microsatelliti era associata a più lunga sopravvivenza senza malattia ( hazard ratio HR, 1.88; P minore di 0.001 ) e sopravvivenza globale ( HR, 1.78; P=0.008 ), così come pT, pN, etnia e trattamento.

I pazienti con carcinoma gastrico bassa-MSI / MSS hanno beneficiato della chemioterapia più chirurgia: la sopravvivenza libera da malattia a 5 anni rispetto alla sola chirurgia è stata del 57% rispetto al 41% ( HR, 0.65 ) e la sopravvivenza globale a 5 anni è stata del 62% rispetto al 53% ( HR, 0.75 ).

Per contro, quelli con tumore gastrico ed alta-MSI non ne hanno beneficiato: la sopravvivenza libera da malattia a 5 anni è stata del 70% rispetto al 77% ( HR, 1.27 ) e la sopravvivenza globale a 5 anni è stata del 75% rispetto all'83% ( HR, 1.50 ).

Nei pazienti con carcinoma gastrico primario resecabile, l'instabilità dei microsatelliti è un marcatore prognostico robusto che dovrebbe essere adottato come fattore di stratificazione dagli studi clinici.
L'omissione della chemioterapia e/o il blocco del checkpoint immunitario devono essere studiati in modo prospettico nei tumori gastrici ad alto indice di MSI secondo il rischio clinicamente e patologicamente definito di recidiva. ( Xagena2019 )

Pietrantonio F et al, J Clin Oncol 2019 37: 3392-3400

Onco2019 Gastro2019



Indietro