Lung Unit
BMS
Novartis
Tumori GenitoUrinari

La terapia di mantenimento con Pazopanib estende la sopravvivenza libera da progressione, ma non la sopravvivenza globale nel carcinoma ovarico


Uno studio di fase 3 ha mostrato che la terapia di mantenimento con Pazopanib ( Votrient ) ha esteso la sopravvivenza libera da progressione di circa il 45% tra le donne con tumore dell’ovaio, la cui malattia non era progredita durante la chemioterapia di prima linea.
Tuttavia, il regime di mantenimento non sembra conferire un beneficio riguardo alla sopravvivenza globale.

Pazopanib è un inibitore della tirosin-chinasi multi-target di VEGFR ( recettore di VEGF ) e di PDGFR ( recettore di PDGF ), somministrato per os.
Pazopanib è approvato per il trattamento del cancro del rene e del sarcoma dei tessuti molli,

Lo studio ha interessato 940 pazienti con carcinoma ovarico la cui malattia non era progredita durante la chemioterapia di prima linea.
Un totale di 472 pazienti sono stati assegnati alla terapia di mantenimento con un regime di 800 mg di Pazopanib, una volta al giorno per un massimo di 2 anni; gli altri 468 pazienti hanno ricevuto placebo.

Il tempo mediano alla diagnosi e l'intervallo mediano dall'ultimo ciclo di chemioterapia al momento di ingresso nello studio erano simili tra i bracci.

L’endpoint primario era rappresentato dalla sopravvivenza libera da progressione.

Il periodo di follow-up è stato di 24.3 mesi.

I pazienti assegnati a Pazopanib hanno dimostrato in modo significativo più lunga sopravvivenza mediana libera da progressione ( 17.9 mesi vs 12.3 mesi; hazard ratio, HR=0.77 ).

Tuttavia, i risultati di due analisi ad interim pianificate non hanno mostrato alcun beneficio riguardo alla sopravvivenza globale ( HR=1.08 ).

I risultati delle analisi esplorative post-hoc di sottogruppi hanno mostrato che il beneficio di Pazopanib sembrava essere derivato principalmente da pazienti non dell’Asia orientale, che costituivano il 78% della coorte.
L’hazard ratio per la sopravvivenza libera da progressione in questo sottogruppo è stata pari a 0.69, a fronte di un HR di 1.16 per i pazienti reclutati nell’Asia orientale.

Tuttavia, i risultati di una seconda analisi di sopravvivenza ad interim ha mostrato una differenza non-significativa nei benefici tra i pazienti non dell’Asia orientale ( HR=0.98 ), così come un significativo effetto dannoso nella popolazione orientale ( HR=1.71 ).

I pazienti assegnati a Pazopanib avevano una maggiore probabilità di interrompere il trattamento a causa di eventi avversi di grado 3 o 4 ( 33.3% vs 5.6% ).

Eventi avversi di grado 3-4 riportati nel braccio Pazopanib hanno incluso: ipertensione ( 30.8% ), neutropenia ( 9.9% ), tossicità epato-correlata ( 9.4% ), diarrea ( 8.2% ), affaticamento ( 2.7% ), trombocitopenia ( 2.5% ) ed eritrodisestesia palmo-plantare ( 1.9% ).

Più pazienti assegnati a placebo hanno ricevuto una terapia antitumorale post-trattamento ( 61% vs 50% ), ma il tempo alla terapia di seconda linea era significativamente più lungo nel braccio Pazopanib. ( Xagena2014 )

Fonte: Journal of Clinical Oncology, 2014

Onco2014 Gyne2014 Farma2014


Indietro