Roche Oncologia
Cortinovis SCLC 2021
Oncologia Morabito
Tumore prostata

Le dosi di radioterapia ablativa producono un prolungamento sostanziale della sopravvivenza nei pazienti con colangiocarcinoma intraepatico inoperabile


Le terapie standard per il colangiocarcinoma intraepatico localizzato inoperabile ( IHCC ) sono inefficaci.
I progressi nella radioterapia ( RT ) e nelle tecniche di immaging hanno permesso alle dosi ablative di essere somministrate ai grandi tumori epatici.

Sono stati valutati gli effetti dell’aumento della dose di radioterapia nel trattamento del colangiocarcinoma intraepatico localizzato inoperabile.

Sono stati identificati 79 pazienti consecutivi con colangiocarcinoma intraepatico localizzato inoperabile e sono stati trattati con radioterapia definitiva dal 2002 al 2014.

Al momento della diagnosi, la dimensione media del tumore era di 7.9 centimetri.

70 pazienti ( 89% ) hanno ricevuto chemioterapia sistemica prima della radioterapia.

Le dosi di radioterapia sono state da 35 a 100 Gy ( mediana, 58.05 Gy ) in 3 fino a 30 frazioni per una dose mediana biologica equivalente ( BED ) di 80.5 Gy.

Il tempo di follow-up mediano per i pazienti vivi al momento dell'analisi è stato di 33 mesi.

Il tempo di sopravvivenza globale mediano ( OS ) dopo la diagnosi è stato di 30 mesi; il tasso di sopravvivenza globale a 3 anni è stato del 44%.

La dose di radiazioni è stata il più importante fattore prognostico; dosi più elevate sono risultate correlate a un miglioramento del tasso di controllo locale e di sopravvivenza globale.

Il tasso di sopravvivenza globale a 3 anni per i pazienti trattati con BED superiore a 80.5 Gy è stato del 73%, rispetto al 38% per quelli trattati con dosi più basse ( P=0.017 ); il tasso di controllo locale a 3 anni è stato significativamente più alto ( 78% ) dopo BED superiore a 80.5 Gy rispetto a dosi più basse ( 45%, P=0.04 ).

BED come una variabile continua ha influenzato in modo significativo il controllo locale ( P=0.009 ) e la sopravvivenza globale ( P=0.004 ).

Non ci sono state significative tossicità correlate al trattamento.

In conclusione, la somministrazione di dosi più elevate di radioterapia migliora il controllo locale e la sopravvivenza globale nei casi di IHCC inoperabile.
BED maggiore di 80.5 Gy sembra essere una dose ablativa di radioterapia per grandi IHCC, con tassi di sopravvivenza a lungo termine che si confrontano favorevolmente con la resezione. ( Xagena2016 )

Tao R et al; J Clin Oncol 2016; 34: 219-226

Onco2016 Gastro2016



Indietro