Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumori GenitoUrinari
Melanome

Melanoma in fase avanzata: Cobimetinib più Vemurafenib dimezza il rischio di peggioramento della malattia rispetto al solo Vemurafenib


I dati dello studio di fase III coBRIM è stato presentato all’ESMO ( European Society of Medical Oncology ) 2014 Congress.
Dallo studio è emerso che i pazienti con melanoma avanzato positivo alla mutazione BRAF V600 non-trattati in precedenza che avevano ricevuto l’inibitore MEK, Cobimetinib, più Vemurafenib ( Zelboraf ) sono vissuti significativamente più a lungo senza peggioramento della malattia o morte ( sopravvivenza libera da progressione ) rispetto al trattamento con il solo Vemurafenib.

La terapia combinata ha dimezzato il rischio di peggioramento della malattia o di morte ( hazard ratio, HR=0.51; p inferiore a 0.0001 ), con una sopravvivenza libera da progressione mediana di 9.9 mesi per Cobimetinib associato a Vemurafenib contro 6.2 mesi con il solo Vemurafenib.

Il profilo di sicurezza dell’associazione era coerente con quello degli studi precedenti. Le reazioni avverse più comuni osservate nel braccio Cobimetinib e Vemurafenib hanno incluso diarrea, nausea, rash, fotosensibilità e anormalità nei test di laboratorio.

Diversi endpoint dello studio coBRIM hanno raggiunto significatività statistica. La sopravvivenza mediana libera da progressione valutata da un Comitato indipendente di revisione ( IRC ) è stata pari a 11.3 mesi nel braccio combinazione contro 6.0 mesi nel braccio controllo ( HR=0.60; p inferiore a 0.0003 ).
Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) è risultato più elevato nella combinazione rispetto al braccio controllo ( 68 vs 45%; p inferiore a 0.0001 ).
Non erano ancora disponibili i dati di sopravvivenza globale.

Cobimetinib è stato sviluppato per bloccare in modo selettivo l’attività di MEK, una proteina presente all’interno delle cellule che fa parte di una via di segnalazione che aiuta a regolare la divisione e la sopravvivenza cellulare.
Cobimetinib si lega a MEK mentre Vemurafenib si lega a BRAF mutante, un’altra proteina, per interrompere la segnalazione anomala che è causa della crescita tumorale.

CoBRIM è uno studio internazionale, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, di fase III, disegnato per valutare la sicurezza e l’efficacia di 60 mg, una volta al giorno, di Cobimetinib in combinazione con 960 mg, due volte al giorno, di Vemurafenib.
Nello studio, 495 pazienti con melanoma in fase metastatica o avanzata, positivo per la mutazione di BRAF V600, non-resecabile, e non-trattato in precedenza per la malattia avanzata, sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Vemurafenib ogni giorno per un ciclo di 28 giorni in associazione a Cobimetinib o a placebo per i giorni 1-21 di ogni ciclo.
L’endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione valutata dai medici.
Oltre alla sopravvivenza libera da progressione valutata dal Comitato indipendente di revisione, al tasso di risposta obiettiva, e alla sopravvivenza generale, gli endpoint secondari hanno incluso la durata della risposta e altri parametri di sicurezza, farmacocinetica e qualità di vita.

Nel braccio dell’associazione Cobimetinib e Vemurafenib è stata osservata una più alta frequenza generale di eventi avversi di grado 3 o superiore ( 65 vs 59% ), con quasi la metà di questi eventi dovuti ad anormalità nei parametri di laboratorio.
Le reazioni avverse comuni ( superiori al 20% ), osservate con maggiore frequenza ( tutti i gradi ) nel braccio associazione rispetto a quello trattato solamente con Vemurafenib hanno incluso diarrea ( 57 vs 28% ), nausea ( 39 vs 24% ), fotosensibilità ( 28 vs 16% ), alterazioni di laboratorio ( aumento di alanina aminotransferasi [ ALT ] [ 24 vs 18% ], aumento di aspartato aminotransferasi [ AST ] [ 22 vs 13% ] ) e vomito ( 21 vs 12% ).
Le reazioni avverse comuni osservate con minore frequenza nel braccio associazione hanno incluso perdita di capelli ( 14 vs 29% ), inspessimento cutaneo ( 10 vs 29% ) e dolore articolare ( 33 vs 40% ). Nella maggior parte dei casi, ognuno di questi eventi avversi aveva grado 1 o 2.
Altri eventi avversi che si sono rivelati minori nel braccio associazione hanno incluso due tipi di tumore della pelle, carcinoma squamocellulare ( 3 vs 11%; tutti i gradi ) e cheratoacantoma ( inferiore a 1 vs 8%; tutti i gradi ).
Grave retinopatia è stata osservata più comunemente nel braccio associazione ( 20 vs inferiore a 1% ), con la maggior parte degli eventi compresi tra il grado 1 e 2, e temporanei.
Eventi avversi specifici che hanno portato all’interruzione del trattamento sono risultati simili in entrambi i bracci dello studio, così come il tasso generale di interruzione del trattamento ( 13 vs 12% ). ( Xagena2014 )

Fonte: Roche, 2014

Onco2014 Dermo2014 Farma2014


Indietro