Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Vescica
Tumore polmone

Mortalità post-trattamento dopo chirurgia e radioterapia stereotassica per carcinoma polmonare non-a-piccole cellule in stadio precoce


Nel carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) allo stadio iniziale, la mortalità post-trattamento può influenzare l'efficacia comparativa della chirurgia e della radioterapia stereotassica corporea ( SBRT ), con implicazioni per il processo decisionale tra i candidati a chirurgia ad alto rischio.
È stata analizzata la mortalità precoce dopo questi interventi utilizzando il National Cancer Database.

Sono stati individuati i pazienti con tumore NSCLC cT1-T2a, N0, M0 diagnosticati tra il 2004 e il 2013 sottoposti a chirurgia o a radioterapia stereotassica corporea.
Sono stati calcolati e confrontati i tassi di mortalità a 30 giorni e a 90 giorni post-trattamento.

Sono stati identificati 76.623 pazienti sottoposti a intervento chirurgico ( lobectomia 78%, resezione sublobare 20%, pneumonectomia 2% ) e 8.216 pazienti che hanno ricevuto radioterapia stereotassica corporea.

Nella coorte non-abbinata, i tassi di mortalità sono moderatamente aumentati con la chirurgia rispetto a radioterapia stereotassica corporea ( 30 giorni, 2.07% vs 0.73%, differenza assoluta, 1.34%; P minore di 0.001; 90 giorni, 3.59% vs 2.93%, differenza assoluta 0.66%; P minore di 0.001 ).

Tra i 27.200 pazienti abbinati per punteggio di propensione, queste differenze sono aumentate ( 30 giorni, 2.41% vs 0.79% [ differenza assoluta, 1.62%; P minore di 0.001; 90 giorni, 4.23% vs 2.82%, differenza assoluta, 1.41%; P minore di 0.001 ).

Le differenze di mortalità tra chirurgia e radioterapia stereotassica corporea sono aumentate con l'età, con P per interazione minore di 0.001 sia a 30 giorni che a 90 giorni ( da 71 a 75 anni: differenza assoluta 30 giorni, 1.87%; differenza assoluta 90 giorni, 2.02%; 76-80 anni: differenza assoluta 30 giorni, 2.80%; differenza assoluta 90 giorni, 2.59%; sopra 80 anni: differenza assoluta 30 giorni, 3.03%; differenza assoluta 90 giorni, 3.67%; tutti P minore o uguale a 0.001 ).

Rispetto alla radioterapia stereotassica corporea, i tassi di mortalità chirurgica sono risultati più alti con una maggiore estensione della resezione ( hazard ratio multivariato per la mortalità a 30 giorni e 90 giorni: resezione sublobare, HR=2.85 e HR=1.37; lobectomia, HR=3.65 e HR=1.60; pneumonectomia, HR=14.5 e HR=5.66; tutti P minore di 0.001 ).

In conclusione, le differenze di mortalità post-trattamento a 30 e 90 giorni tra chirurgia e radioterapia stereotassica corporea sono aumentate in funzione dell'età, con maggiori differenze a favore di SBRT osservate tra i pazienti di età superiore a 70 anni.
Questi dati sulla mortalità possono essere utili per il processo decisionale condiviso tra i pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule in stadio iniziale adatti a entrambi gli interventi. ( Xagena2018 )

Stokes WA et al, J Clin Oncol 2018; 36: 642-651

Onco2018 Pneumo2018 Chiru2018



Indietro