Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGeriatria
OncoGinecologia

Nivolumab da solo o in combinazione con Ipilimumab è più efficace del solo Ipilimumab nei pazienti con melanoma avanzato


Uno studio randomizzato di fase III ha mostrato che la terapia iniziale solamente con Nivolumab ( Opdivo ) o in combinazione con Ipilimumab ( Yervoy ) è significativamente più efficace del solo Ipilimumab.
Nivolumab da solo ha più che raddoppiato il tempo medio alla progressione di malattia, rispetto a Ipilimumab ( 6.9 mesi versus 2.9 mesi ), e il beneficio è stato ancora maggiore quando Ipilimumab e Nivolumab sono stati associati ( 11.5 mesi ).
I tassi di risposta sono stati anche sostanzialmente più elevati nei pazienti trattati con la terapia di combinazione ( 57.6% ) e con il solo Nivolumab ( 43.7% ) rispetto a Ipilimumab da solo ( 19% ).

Dallo studio è anche emerso che i pazienti con un marcatore tumorale specifico sembrano trarre maggiori benefici dal trattamento di combinazione, mentre altri pazienti possono rispondere bene con il solo Nivolumab.

Nivolumab e Ipilimumab sono anticorpi monoclonali che bloccano due diversi checkpoint immunitari, PD-1 e CTLA-4, rispettivamente.
Entrambi i trattamenti, comunemente indicati come inibitori del checkpoint, aumentano la capacità del sistema immunitario di combattere il melanoma in fase avanzata.

Una precedente ricerca aveva dimostrato che gli inibitori del checkpoint immunitario sono in grado di migliorare la sopravvivenza dei pazienti con melanoma o con tumore ai polmoni.

Sia Ipilimumab sia Nivolumab sono approvati dalla Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ), per l'uso come singoli agenti nei pazienti con melanoma non-resecabile ( che non può essere rimosso mediante un intervento chirurgico ) o metastatico ( avanzato ), non-responder ad altri farmaci.

Nello studio CheckMate-067 945 pazienti con melanoma avanzato, non-trattati in precedenza, sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Ipilimumab, Nivolumab, o la combinazione dei due.

Dopo un periodo di follow-up di almeno nove mesi, la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 2.9 mesi per Ipilimumab, 6.9 mesi per Nivolumab, e 11.5 mesi per la combinazione.
Le differenze tra la combinazione e il gruppo Ipilimumab, tra il gruppo Nivolumab e il gruppo Ipilimumab sono risultate statisticamente significative.

I tassi di risposta per la combinazione, per il solo Nivolumab e per il solo Ipilimumab sono state, rispettivamente, pari a 57.6%, 43.7%, e 19%.

Le riduzioni medie del carico tumorale ( profondità di risposta ) sono stati del 52% con la combinazione e del 34% con il solo Nivolumab.
Al contrario, i pazienti che hanno ricevuto Ipilimumab hanno solo sperimentato un aumento del 5% nella massa tumorale.

Il tasso di gravi effetti collaterali correlati al trattamento è stato più alto nel gruppo di combinazione ( 55% ), e il 36% dei pazienti in questo gruppo ha dovuto interrompere la terapia a causa di effetti collaterali.

Precedenti studi hanno mostrato che i pazienti che interrompono precocemente la immunoterapia continuano a trarre beneficio. Il beneficio prolungato trova spiegazione nel fatto che l'immunoterapia agisce attivando il sistema immunitario piuttosto che attaccare direttamente il tumore.
Non è ancora chiaro per quanto tempo i pazienti devono essere trattati per attivare completamente il sistema immunitario, e la durata minima della terapia varia probabilmente da paziente a paziente.

In questo studio è emerso che Nivolumab da solo sembra essere efficace contro i tumori PD-L1-positivi così come la combinazione di Nivolumab e Ipilimumab.
Per i pazienti con tumori PD-L1-negativi, il trattamento di combinazione è risultato significativamente più vantaggioso rispetto al solo Nivolumab. ( Xagena2015 )

Fonte: American Society of Clinical Oncology ( ASCO ), 2015

Onco2015 Dermo2015 Farma2015


Indietro