Cortinovis SCLC 2021
Novartis
Roche Oncologia
Tumore prostata

Orteronel più Prednisone per il carcinoma alla prostata resistente alla castrazione metastatico naive alla chemioterapia: studio ELM-PC 4


Orteronel è un inibitore parzialmente selettivo di CYP 17.20-liasi nella via di segnalazione degli androgeni, un obiettivo terapeutico confermato nel cancro alla prostata metastatico resistente alla castrazione.
È stato valutato Orteronel in pazienti naive alla chemioterapia con carcinoma prostatico metastatico resistente alla castrazione.

In questo studio di fase 3, in doppio cieco, controllato con placebo, sono stati reclutati pazienti con carcinoma prostatico metastatico progressivo castrazione-resistente e nessuna precedente chemioterapia da 324 Centri di studio ( ospedali o cliniche urologiche ) in 43 Paesi.

I pazienti eleggibili sono stati assegnati in modo casuale, in un rapporto 1:1, a ricevere 400 mg di Orteronel più 5 mg di Prednisone 2 volte al giorno oppure placebo più 5 mg di Prednisone 2 volte al giorno.

I pazienti sono stati stratificati per regione ( Europa, Nord America, e non-Europa o non-Nord America ) e la presenza o assenza di progressione della malattia radiografica al basale.

I due endpoint primari erano la sopravvivenza libera da progressione radiografica e la sopravvivenza globale, determinate nella popolazione intention-to-treat.

Dal 2010 al 2012, 2.353 pazienti sono stati valutati per l'eleggibilità. Di questi, 1.560 sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Orteronel più Prednisone ( n=781 ) oppure placebo più Prednisone ( n=779 ).

La data limite per l'analisi clinica finale è stata il 15 gennaio 2014 ( con 611 decessi ).

Il follow-up mediano di sopravvivenza libera da progressione radiografica è stato di 8.4 mesi.
La sopravvivenza libera da progressione radiografica mediana è stata di 13.8 mesi con Orteronel più Prednisone e 8.7 mesi con placebo più Prednisone ( hazard ratio, HR=0.71, P minore di 0.0001 ).

Dopo un follow-up mediano di 20.7 mesi, la sopravvivenza generale mediana è stata di 31.4 mesi con Orteronel più Prednisone e 29.5 mesi con placebo più Prednisone ( HR=0.92, P=0.31 ).

I più comuni eventi avversi di grado 3 o maggiore sono stati: aumentati livelli di lipasi ( 137 pazienti su 784 [ 17% ] nel gruppo Orteronel più Prednisone vs 14 pazienti su 770 [ 2% ] nel gruppo placebo più Prednisone ), aumentati livelli di amilasi ( 77 [ 10 % ] vs 9 [ 1% ] ), affaticamento ( 50 [ 6% ] vs 14 [ 2% ] ), ed embolia polmonare ( 40 [ 5% ] vs 27 [ 4% ] ).
Eventi avversi gravi sono stati riportati in 358 pazienti ( 46% ) trattati con Orteronel più Prednisone e in 292 pazienti ( 38% ) trattati con placebo più Prednisone.

Nei pazienti naive alla chemioterapia con tumore alla prostata metastatico resistente alla castrazione, la sopravvivenza libera da progressione radiografica è rusiltata prolungata con Orteronel più Prednisone rispetto a placebo più Prednisone.
Tuttavia, nessun miglioramento è stato osservato nell’altro endpoint primario, la sopravvivenza globale.
Orteronel più Prednisone è stato associato ad un aumento degli effetti tossici rispetto a placebo più Prednisone.
Sulla base di questi e di altri dati, Orteronel non è in fase di ulteriore sviluppo nel cancro alla prostata metastatico resistente. ( Xagena2015 )

Saad F et al, Lancet 2015;16:338-348

Onco2015 Uro2015 Farma2105


Indietro