Roche Oncologia
Cortinovis SCLC 2021
Oncologia Morabito
Tumore prostata

Papillomavirus umano e sopravvivenza complessiva dopo progressione del carcinoma a cellule squamose orofaringeo


Il rischio di progressione del cancro è ridotto nei pazienti con cancro dell'orofaringe ( OPC ) positivo al papillomavirus umano ( HPV+ ) rispetto a tumore dell’orofaringe HPV-negativo ( HPV- ), ma non è noto se il rischio di morte dopo progressione sia ridotto in modo simile.

I pazienti con carcinoma dell’orofaringe in stadio III-IV arruolati nello studio Radiation Therapy Oncology Group 0129 o RTOG 0522 che avevano tumore noto in status p16 più progressione locale, regionale e/o distante dopo aver ricevuto chemioradioterapia a base di Platino sono stati considerati eleggibili per un'analisi retrospettiva dell'associazione tra status p16 del tumore e sopravvivenza globale dopo progressione della malattia.

In totale, 181 pazienti con tumore dell’orofaringe p16-positivi ( n=105 ) o p16-negativi ( n=76 ) sono stati inclusi nell'analisi.

I pattern di fallimento e il tempo medio alla progressione ( 8.2 vs 7.3 mesi; P=0.67 ) sono risultati simili per i pazienti con tumori p16-positivi e p16-negativi.

Dopo un periodo di follow-up medio di 4.0 anni dopo la progressione della malattia, i pazienti con cancro dell’orofaringe p16-positivo avevano tassi di sopravvivenza significativamente migliorati rispetto ai pazienti p16-negativi ( sopravvivenza globale a 2 anni, 54.6% vs 27.6%; media, 2.6 vs 0.8 anni; P minore di 0.001 ).

Lo stato del tumore p16-positivo ( HR=0.48 ) e il ricorso a chirurgia di salvataggio ( HR=0.48 ) hanno ridotto il rischio di morte dopo la progressione della malattia, mentre la progressione a distanza rispetto a quella locoregionale ( HR=1.99 ) ha aumentato il rischio, dopo aggiustamento per stadio tumorale e anni-pacchetto di sigarette al momento dell'arruolamento.

In conclusione, lo status HPV del tumore è un predittore, forte e indipendente, di sopravvivenza globale dopo la progressione della malattia e dovrebbe essere un fattore di stratificazione per le sperimentazioni cliniche per i pazienti con cancro dell'orofaringe ricorrente o metastatico. ( Xagena2014 )

Fakhry C et al, J Clin Oncol 2014;32:3365-3373

Onco2014 Inf2014



Indietro