Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore prostata
OncoPneumologia

Pazienti con melanoma trattati con un anticorpo anti-PD-1 oltre la progressione secondo i criteri RECIST


I pazienti che ricevono farmaci immunoterapici potrebbero sviluppare un pattern di risposta atipico, in cui inizialmente soddisfano i criteri di risposta convenzionali per la malattia progressiva, ma successivamente riducono il carico tumorale.
Tali risposte giustificano ulteriori indagini sui potenziali benefici e rischi per i pazienti che continuano l'immunoterapia oltre la progressione della malattia definita dai criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi versione 1.1.

Sono stati inclusi in una analisi i pazienti che hanno ricevuto anticorpi anti-PD-1 da soli o in combinazione per il trattamento di pazienti con melanoma non-resecabile o metastatico che ha permesso la continuazione della somministrazione dell’anticorpo oltre la progressione definita da RECIST nel gruppo anti-PD-1 approvata dalla FDA ( Food and Drug Administration ) prima del 2017.

Per indagare l'effetto del trattamento oltre la progressione nei pazienti con melanoma metastatico e per caratterizzare meglio quale di questi pazienti trarrebbe beneficio da un trattamento prolungato, sono stati raggruppati i dati dei singoli pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di un anticorpo anti-PD-1 negli studi inclusi nella analisi.

È stato incluso qualsiasi paziente che ha ricevuto l'anticorpo anti-PD-1 dopo la data di progressione definita da RECIST nella coorte di trattamento oltre la progressione e sono stati analizzati descrittivamente al basale e al momento della progressione rispetto alla coorte che non ha ricevuto la terapia oltre la progressione.

È stata analizzata la risposta alla lesione target dopo la progressione nei pazienti nella coorte di trattamento oltre la progressione rispetto alla progressione della malattia e al carico della lesione target di base.

È stata definita una risposta al trattamento oltre la progressione come una riduzione del carico tumorale della lesione target ( somma dei diametri di riferimento ) di almeno il 30% dal carico al momento della progressione definita da RECIST che non ha richiesto conferma in una successiva valutazione.
Sono state anche confrontate le risposte individuali, la sopravvivenza globale e gli eventi avversi nelle coorti di trattamento oltre la progressione rispetto a nessun trattamento al di là della progressione.

Tra gli 8 studi clinici multicentrici che soddisfacevano i criteri di inclusione di questo studio, sono stati raggruppati i dati di 2.624 pazienti sottoposti a immunoterapia.
1.361 ( 52% ) presentavano una malattia progressiva, di cui 692 ( 51% ) hanno ricevuto un trattamento con anticorpi anti-PD-1 continuato oltre la progressione definita da RECIST e 669 ( 49% ) non lo hanno ricevuto.

In tutto 95 su 500 pazienti ( 19% ) nella coorte di trattamento oltre la progressione hanno avuto una riduzione del 30% o più del carico tumorale, considerando il carico alla progressione definita da RECIST come punto di riferimento, rappresentando il 14% dei 692 pazienti trattati oltre progressione e il 4% di tutti i 2.624 pazienti trattati con immunoterapia.

La sopravvivenza globale mediana nei pazienti con malattia progressiva definita da RECIST e con somministrazione dell’anticorpo anti-PD-1 è stata più lunga nella coorte di trattamento oltre la progressione ( 24.4 mesi ) rispetto alla coorte di pazienti che non hanno ricevuto un trattamento oltre la progressione ( 11.2 mesi ).

362 pazienti su 669 ( 54% ) nel gruppo senza trattamento oltre la progressione hanno presentato un evento avverso grave fino a 90 giorni dopo l'interruzione del trattamento rispetto a 295 su 692 pazienti ( 43% ) nella coorte di trattamento oltre la progressione.

Gli eventi avversi immunocorrelati che si sono verificati fino a 90 giorni dalla sospensione sono stati simili tra la coorte dì trattamento oltre la progressione ( 78 su 692 pazienti, 11% ) e la coorte senza trattamento al di là della progressione ( 106 su 669, 16% ).
362 pazienti su 669 ( 54% ) nel gruppo senza trattamento oltre la progressione hanno manifestato un evento avverso grave fino a 90 giorni dopo l'interruzione del trattamento rispetto a 295 dei 692 pazienti ( 43% ) nella coorte di trattamento oltre la coorte di progressione.

Gli eventi avversi immunocorrelati che si sono verificati fino a 90 giorni dalla sospensione sono stati simili tra la coorte di trattamento oltre la progressione (78 su 692 pazienti, 11%) e la coorte senza trattamento al di là della progressione (106 su 669, 16%).

La continuazione del trattamento oltre la progressione nell'etichettatura del prodotto per queste immunoterapie non è stata raccomandata perché il beneficio clinico rimane da dimostrare.

La terapia oltre la progressione con anticorpi anti-PD-1 potrebbe essere appropriata per pazienti selezionati con melanoma non-resecabile o metastatico, identificati da criteri specifici al momento della progressione, in base al potenziale di risposte tardive nel contesto del profilo di tossicità noto. ( Xagena2018 )

Beaver JA et al, Lancet Oncol 2018; 19: 229-239

Onco2018 Derma2018 Farma2018


Indietro