Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoDermatologia
ForumOncologico

Pembrolizumab nei pazienti con carcinoma uroteliale avanzato: tasso complessivo di risposta del 24% nei pazienti con tumore PD-L1-positivo


I dati sull'uso sperimentale di Pembrolizumab ( Keytruda ), un farmaco anti-PD-1, nel tumore uroteliale avanzato ( anche conosciuto come cancro della vescica ) positivo per PD-L1 sono stati presentati all’ESMO ( European Society for Medical Oncology ) 2014 Congress.

I primi risultati presentati hanno mostrato un tasso complessivo di risposta del 24% con Pembrolizumab in monoterapia, ( n=7/29 ), e un tasso di risposta completa del 10% ( 3/29 ).
Al momento della analisi, la durata di risposta variava da 16+ a 40+ settimane con 6 responder su 7 che hanno continuato la terapia.
Nello studio, in corso, il 64% ( 61/95 ) dei pazienti esaminati aveva tumori positivi per l'espressione di PD-L1.

Pembrolizumab è un anticorpo monoclonale umanizzato che blocca l'interazione tra PD-1 e i suoi ligandi, PD-L1 e PD-L2. Legandosi al recettore PD-1 e bloccando l'interazione con i ligandi del recettore, Pembrolizumab ripristina la risposta immunitaria mediata dalla via di segnalazione PD-1, compresa la risposta immunitaria antitumorale.

Lo studio di fase 1b, KEYNOTE-012, sta valutando Pembrolizumab in monoterapia al dosaggio di 10 mg/kg ogni due settimane in pazienti con carcinoma della vescica in fase avanzata, il cui tumore è risultato essere positivo per l'espressione di PD-L1 ( n=29 ). Mediante test immunoistochimico, i tumori sono stati classificati come PD-L1-positivi nel caso in cui fossero state riscontrate un numero di cellule tumorali con espressione del marcatore PD-L1 maggiore o uguale all’1%, o qualsiasi colorazione positiva con lo stesso reagente nello stroma tumorale.
La maggior parte dei pazienti aveva ricevuto, in precedenza, una o più linee di terapia.

A sei mesi, il 58% dei pazienti era vivo, e la sopravvivenza globale mediana era pari a 9.3 mesi. Inoltre, la riduzione del tumore è stata raggiunta nel 64% dei pazienti.

Gli eventi avversi erano in linea con i dati di sicurezza riportati in precedenza per Pembrolizumab.
Gli eventi avversi più comuni, correlati al trattamento e valutati dagli sperimentatori ( che si sono verificati in due o più pazienti ) hanno incluso: affaticamento ( 18% ), edema periferico ( 12% ) e nausea ( 9% ).
Gli eventi avversi di grado 3-5 correlati al trattamento, valutati dallo sperimentatore, si sono verificati in 4 pazienti.
Una reazione correlata all'infusione è stata osservata, e un paziente ha interrotto Pembrolizumab a causa di una reazione avversa correlata al trattamento.
Non ci sono stati decessi correlati al trattamento. ( Xagena2014 )

Fonte: Merck, 2014

Onco2014 Uro2014 Farma2014


Indietro