Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore prostata
Tumore rene

Persistenza del beneficio di Alectinib come prima linea, rispetto a Crizotinib, nel tumore del polmone ALK-positivo


Alectinib ( Alecensa ) ha significativamente prolungato la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) rispetto a Crizotinib ( Xalkori ) come trattamento di prima linea per i pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule ALK-positivo, secondo i risultati aggiornati dello studio ALEX.

L'analisi primaria dello studio aveva mostrato un miglioramento della sopravvivenza libera da progresione valutata con Alectinib, rispetto a Crizotinib ( mediana, non-raggiunta rispetto a 11.1 mesi, hazard ratio, HR=0.47 ).

L'endpoint primario dello studio ALEX, che confrontava l'inibitore ALK Crizotinib con l'inibitore ALK di nuova generazione Alectinib, era la sopravvivenza libera da progressione valutata dallo sperimentatore.
Nel 2017, la sopravvivenza mediana libera da progressione non era stata raggiunta e l'hazard ratio era stato pari a 0.47.

Ora, con oltre 20 mesi di follow-up, i dati sono più maturi con una sopravvivenza mediana libera da progressione stimabile a 34.8 mesi e un ulteriore miglioramento dell'hazard ratio a 0.43.

Sono stati presentati i risultati per ulteriori 10 mesi di follow-up dal dataset pubblicato nel 2017.
I partecipanti eleggibili avevano un tumore NSCLC ALK-positivo in stadio IIIB/IV, senza esperienza di terapia sistemica per malattia avanzata.
Sono stati anche inclusi pazienti con metastasi del sistema nervoso centrale ( CNS ) asintomatiche.

L'analisi ha incluso 152 pazienti trattati con 600 mg di Alectinib due volte al giorno e 151 pazienti trattati con 250 mg di Crizotinib due volte al giorno.

Per i pazienti con metastasi del CNS, la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 27.7 mesi nel braccio Alectinib e di 7.4 mesi nel braccio Crizotinib ( HR=0.35 ).
È stato osservato un beneficio simile per i pazienti senza metastasi al sistema nervoso centrale, con una sopravvivenza mediana libera da progressione di 34.8 mesi per Alectinib e 14.7 mesi per Crizotinib ( HR=0.47 ).

Il beneficio è stato osservato sia nelle persone con metastasi che in quelle senza metastasi al sistema nervoso centrale al basale, il che supporta Alectinib come inibitore ALK di prima scelta.
I risultati dell'endpoint secondario hanno mostrato un tasso di risposta obiettiva dell'82.9% per Alectinib rispetto al 75.5% per Crizotinib.

La durata mediana della risposta è stata di 33.3 mesi nel braccio Alectinib e di 11.1 mesi nel braccio Crizotinib ( HR stratificato=0.33 ).

I dati della sopravvivenza globale sono rimasti immaturi, con un tasso di eventi del 28.3% nel braccio Alectinib e del 31.8% nel braccio Crizotinib ( HR stratificato 0.76 ).

Alectinib ha prodotto tassi più bassi di eventi avversi di grado 3-5 rispetto a Crizotinib ( 44.7% vs 51% ), nonostante una durata più lunga del trattamento ( 27 mesi rispetto a 10.8 mesi ).
Anche gli eventi che hanno portato alla riduzione della dose si sono verificati meno frequentemente nel braccio Alectinib ( 16.4% vs 20.5% ), così come le interruzioni della dose ( 22.4% vs 25.2% ).
La sospensione a causa di eventi avversi si è verificata nel 13.2% dei pazienti in entrambi i gruppi. ( Xagena2018 )

Fonte: ASCO Annual Meeting, 2018

Onco2018 Pneumo2018 Farma2018


Indietro