Cortinovis SCLC 2021
Roche Oncologia
Oncologia Morabito
Tumore prostata

Pralsetinib per il tumore al polmone non-a-piccole cellule positivo alla fusione RET: studio ARROW


Le alterazioni del proto-oncogene RET sono state identificate in più tipi di tumore, compreso l'1-2% dei tumori polmonari non-a-piccole cellule ( NSCLC ).
Sono state valutate la sicurezza, la tollerabilità e l'attività antitumorale di Pralsetinib ( Gavreto ), un inibitore selettivo di RET, orale, nei pazienti con tumore NSCLC positivo alla fusione di RET.

ARROW è uno studio multi-coorte, in aperto, di fase 1/2 condotto in 71 centri oncologici comunitari e accademici in 13 Paesi ( Belgio, Cina, Francia, Germania, Hong Kong, Italia, Paesi Bassi, Singapore, Corea del Sud , Spagna, Taiwan, Regno Unito e Stati Uniti ).

Sono stati arruolati pazienti di età pari o superiore a 18 anni con tumori solidi localmente avanzati o metastatici, incluso il tumore NSCLC positivo alla fusione RET e un ECOG performance status di 0-2 ( successivamente limitato a 0-1 in una modifica del protocollo ).

Nella fase 2, i pazienti hanno ricevuto 400 mg di Pralsetinib per os una volta al giorno e hanno potuto continuare il trattamento fino a progressione della malattia, a intolleranza, alla revoca del consenso o alla decisione dello sperimentatore.

Gli endpoint primari di fase 2 sono stati il tasso di risposta globale ( OOR ) secondo i criteri RECIST versione 1.1 valutati da una revisione centrale indipendente in cieco, e la sicurezza.

La risposta del tumore è stata valutata nei pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule positivo alla fusione RET e malattia misurabile al basale giudicata a livello centrale che avevano ricevuto chemioterapia con Platino o erano naive al trattamento perché non ammissibili alla terapia standard.

Dei 233 pazienti con tumore NSCLC positivo alla fusione RET arruolati tra il 2017 e il 2020 ( cutoff dei dati ), 92 con precedente chemioterapia a base di Platino e 29 naive al trattamento hanno ricevuto Pralsetinib prima dell'11 luglio 2019 ( cutoff di efficacia dell’arruolamento ); 87 pazienti precedentemente trattati e 27 pazienti naive al trattamento avevano una malattia misurabile al basale giudicata a livello centrale.

Le risposte complessive sono state registrate in 53 su 87 pazienti ( 61% ) con precedente chemioterapia a base di Platino, inclusi 5 pazienti ( 6% ) con una risposta completa; e 19 su 27 pazienti ( 70% ) naive al trattamento, inclusi 3 ( 11% ) con una risposta completa.

In 233 pazienti con tumore NSCLC positivo alla fusione RET, eventi avversi comuni di grado 3 o peggiore correlati al trattamento sono stati neutropenia ( 43 pazienti, 18% ), ipertensione ( 26, 11% ) e anemia ( 24, 10% ); non ci sono stati decessi correlati al trattamento in questa popolazione.

Pralsetinib è una nuova opzione di trattamento orale una volta al giorno ben tollerata e promettente per i pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule positivo alla fusione RET. ( Xagena2021 )

Gainor JF et al, Lancet Oncology 2021; 22: 959-969

Onco2021 Pneumo2021 Farma2021


Indietro