Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore prostata
Tumore rene

Prevalenza del DNA di papillomavirus umano e proteina p16INK4a nel tumore del pene e neoplasia pemile intraepiteliale


Sebbene precedenti metanalisi abbiano esaminato la prevalenza del DNA del papillomavirus umano ( HPV ) nel tumore del pene, non era ancora stata valutata la prevalenza di HPV DNA ( dati aggregati ) nella neoplasia intraepiteliale del pene o la positività a p16INK4a nel tumore del pene e nella neoplasia intraepiteliale del pene.
Pertanto, è stata esaminata la prevalenza della positività a HPV DNA e p16INK4a nel tumore del pene e nella neoplasia penile intraepiteliale in tutto il mondo.

In una revisione sistematica e meta-analisi, sono stati esaminati studi che riportavano la prevalenza della positività a HPV DNA e p16INK4a, sia da soli che in associazione, in almeno cinque casi di tumore del pene o neoplasia intraepiteliale del pene.
Sono stati inclusi solo studi che hanno utilizzato la PCR ( reazione a catena della polimerasi ) o la cattura ibrida per il rilevamento di HPV DNA e la colorazione immunoistochimica o la metilazione per il rilevamento di p16INK4a.

È stata stimata la prevalenza aggregata di HPV DNA e di p16INK4a nel tumore del pene e nella neoplasia penile intraepiteliale, stratificando per sottotipo istologico e per il metodo di rilevazione di HPV DNA o p16INK4a.

È stata stimata la prevalenza specifica per tipo di HPV6, HPV11, HPV16, HPV18, HPV31, HPV33 e HPV45 nel tumore del pene.

Le ricerche hanno identificato 73 studi idonei.

La prevalenza di HPV DNA in pool nel tumore del pene ( 52 studi, n=4.199 ) è stata del 50.8% ( I2=92.6%, P eterogeneità minore di 0.0001 ).

Una prevalenza elevata di HPV DNA in pool è stata osservata nei carcinomi a cellule squamose basaloidi ( 84.0%; I2=48.0%, P eterogeneità=0.0197 ) e nel carcinoma verrucoso-basaloide ( 75.7%; I2=0%, P eterogeneità=0.52 ).

Il tipo di HPV oncogenico predominante nel tumore del pene era HPV16 ( 68.3% ), seguito da HPV6 ( 8.1% ) e HPV18 ( 6.9% ).

La prevalenza di HPV DNA in pool nelle neoplasie intraepiteliali del pene ( 19 studi, n=445 ) era 79.8% ( I2=83.2%, P eterogeneità minore di 0.0001 ).

La positività percentuale di p16INK4a in pool nel tumore del pene ( 24 studi, n=2.295 ) era 41.6% ( I2=80.6%, P eterogeneità minore di 0.0001 ), con un’alta positività percentuale in pool a p16INK4a nel carcinoma a cellule squamose correlato a negatività per HPV ( 85.8%; I2=56.4%, P eterogeneità=0.0011 ) rispetto al carcinoma a cellule squamose non-correlato a HPV ( 17.1%; I2=78.3%, P eterogeneità minore di 0.0001 ).

Inoltre, tra i casi di tumore del pene positivi a HPV, la positività percentuale di p16INK4a è stata del 79.6% ( I2=89.9%, P eterogeneità minore di 0.0001 ), rispetto a 18.5% ( I2=89.3%, P eterogeneità minore di 0.0001 ) nei tumori del pene negativi a HPV.

La positività percentuale a p16INK4a in pool nella neoplasia intraepiteliale del pene ( 6 studi, n=167 ) è stata del 49.5%.

Un'alta percentuale di tumori del pene e di neoplasie intraepiteliali del pene è associata all'infezione da papillomavirus ( prevalentemente HPV16 ), sottolineando i possibili benefici della vaccinazione contro HPV in uomini e ragazzi. ( Xagena2019 )

Olesen TB et al, Lancet Oncology 2019; 20: 145-158

Onco2019 Uro2019 Inf2019



Indietro