Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGeriatria
Tumore prostata

Profilo di espressione genica delle cellule T infiammatorie, espressione di PD-L1 e carico mutazionale del tumore predicono l'efficacia nei pazienti trattati con Pembrolizumab in 20 tumori: KEYNOTE-028


I biomarcatori che possono predire la risposta alla terapia anti-PD-1 in più tipi di tumore comprendono un profilo di espressione genica ( GEP ) delle cellule T infiammatorie, espressione di PD-L1 e carico mutazionale del tumore ( TMB ).
Le associazioni tra questi biomarcatori e l'efficacia clinica di Pembrolizumab ( Keytruda ) sono state valutate in uno studio clinico che comprendeva 20 coorti di pazienti con tumori solidi avanzati.

KEYNOTE-028 è uno studio di fase Ib non-randomizzato che ha arruolato 475 pazienti con tumori solidi avanzati positivi a PD-L1 che sono stati trattati con Pembrolizumab 10 mg/kg ogni 2 settimane per 2 anni o fino a progressione confermata della malattia o tossicità inaccettabile.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR, secondo i criteri RECIST versione 1.1 ).
Gli endpoint secondari includevano sicurezza, sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e sopravvivenza globale ( OS ).
I rapporti tra profilo di espressione genica delle cellule T infiammatorie, espressione di PD-L1 e attività TMB e attività antitumorale erano endpoint esplorativi.

I tassi di risposta obiettiva variavano dallo 0% nel tumore al pancreas al 33% nel tumore polmonare a piccole cellule.
Tra le coorti, la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediana variava da 1.7 mesi a 6.8 mesi nei tumori pancreatici e tiroidei, e la sopravvivenza globale ( OS ) mediana da 3.9 mesi a 21.1 mesi, rispettivamente, nei tumori vulvari e carcinoidi.

Tassi di risposta più alti e di più lunga sopravvivenza libera da progressione sono stati evidenziati in tumori con più alti valori di GEP di cellule T infiammatorie, espressione di PD-L1 e/o TMB.
Le correlazioni di TMB con GEP e PD-L1 sono state basse.

Gli schemi di risposta hanno indicato che i pazienti con tumori che presentavano alti livelli di TMB e marcatori infiammatori ( GEP o PD-L1 ) rappresentano una popolazione con la più alta probabilità di risposta.
La sicurezza è stata simile e coerente con precedenti rapporti su Pembrolizumab.

L'espressione di GEP con infiammazione da cellule T, PD-L1 e TMB ha predetto la risposta a Pembrolizumab in più tipi di tumore.
Questi biomarcatori, da soli o in combinazione, possono aiutare a identificare i pazienti che hanno una maggiore probabilità di avere una risposta alle terapie anti-PD-1 in un ampio spettro di tumori. ( Xagena2019 )

Ott PA et al, J Clin Oncol 2019 37: 318-327

Onco2019 Farma2019


Indietro