Lung Unit
BMS
Novartis
Roche Oncologia

Prostatectomia radicale con o senza terapia chemio-ormonale neoadiuvante nel tumore della prostata localizzato ad alto rischio: studio Alliance


La sola prostatectomia radicale è spesso inadeguata nella cura degli uomini con tumore prostatico ad alto rischio clinicamente localizzato.
Si è ipotizzato che la terapia chemio-ormonale con terapia di deprivazione androgenica più Docetaxel prima della prostatectomia radicale migliori la sopravvivenza libera da progressione biochimica ( BPFS ) rispetto alla sola prostatectomia radicale.

Uomini con cancro alla prostata ad alto rischio clinicamente localizzato sono stati assegnati a prostatectomia radicale da sola o terapia chemio-ormonale neoadiuvante con deprivazione androgenica più Docetaxel ( 75 mg/m2 di superficie corporea ogni 3 settimane per 6 cicli ) e prostatectomia radicale.

L'endpoint primario era la sopravvivenza BPFS a 3 anni. Il fallimento biochimico è stato definito come un livello di antigene prostatico specifico ( PSA ) sierico maggiore di 0.2 ng/ml aumentato in 2 occasioni consecutive a distanza di almeno 3 mesi.
Gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza BPFS a 5 anni, la sopravvivenza BPFS globale, recidiva locale, sopravvivenza libera da metastasi ( MFS ), mortalità specifica per tumore alla prostata e sopravvivenza globale ( OS ).

In totale, sono stati assegnati in modo casuale 788 uomini. Il tempo mediano di follow-up è stato di 6.1 anni.

Le percentuali complessive di eventi avversi di grado 3 e 4 durante la chemioterapia sono state rispettivamente del 26% e del 19%.

Non è stata osservata alcuna differenza nella sopravvivenza BPFS a 3 anni tra terapia chemio-ormonale neoadiuvante più prostatectomia radicale, e la sola prostatectomia radicale ( 0.89 vs 0.84, rispettivamente; P=0.11 ).

La terapia chemio-ormonale neoadiuvante è stata associata a un miglioramento della sopravvivenza senza progressione biochimica complessiva ( hazard ratio HR, 0.69 ), a un miglioramento della sopravvivenza libera da metastasi ( HR, 0.70 ) e a un miglioramento della sopravvivenza globale ( HR, 0.61 ) rispetto alla sola prostatectomia radicale.

L'endpoint primario dello studio, la sopravvivenza libera da progressione biochimica a 3 anni, non è stato raggiunto.
Sebbene sia stato osservato un miglioramento negli endpoint secondari, qualsiasi potenziale beneficio deve essere valutato rispetto alla tossicità.
I dati non supportano l'uso di routine di terapia chemio-ormonale neoadiuvante e prostatectomia radicale in pazienti con cancro alla prostata ad alto rischio clinicamente localizzato, in questo momento. ( Xagena2020 )

Eastham JA et al, J Clin Oncol 2020 38: 3042-3050

Uro2020 Onco2020 Chiru2020 Farma2020


Indietro