Roche Oncologia
Cortinovis SCLC 2021
Oncologia Morabito
Tumore prostata

Qualità di vita correlata alla salute in pazienti con tumore del colon-retto metastatico con elevata instabilità dei microsatelliti o deficit di riparazione del mismatch trattati con Pembrolizumab come prima linea rispetto alla chemioterapia: studio


Nello studio KEYNOTE-177, la monoterapia con Pembrolizumab ( Keytruda ) ha fornito miglioramenti statisticamente e clinicamente significativi nella sopravvivenza libera da progressione rispetto alla chemioterapia come trattamento di prima linea nei pazienti con tumore del colon-retto metastatico con elevata instabilità dei microsatelliti o carenza di riparazione del mismatch ( errato appaiamento ).

Per supportare ulteriormente i risultati di efficacia e sicurezza dello studio KEYNOTE-177, sono stati riportati i risultati delle analisi della qualità di vita correlata alla salute ( HRQOL ).

KEYNOTE-177 è uno studio in aperto, randomizzato, di fase 3 condotto presso 192 centri oncologici in 23 Paesi, nei pazienti di età pari o superiore a 18 anni con tumore del colon e del retto metastatico con elevata instabilità dei microsatelliti o con deficit di riparazione del mismatch, con un ECOG status pari a 0 o 1 e che non avevano ricevuto una precedente terapia sistemica per malattia metastatica.

I pazienti idonei sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Pembrolizumab 200 mg per via endovenosa ogni 3 settimane o la chemioterapia scelta dallo sperimentatore ( mFOLFOX6: Leucovorina, Fluorouracile e Oxaliplatino; o FOLFIRI: Leucovorina, Fluorouracile e Irinotecan per via endovenosa ogni 2 settimane con o senza Bevacizumab o Cetuximab per via endovenosa ).

Gli endpoint primari erano la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), riportata in precedenza, e la sopravvivenza globale ( OS ), da riportare al momento dell'analisi finale.
Gli esiti HRQOL sono stati valutati come endpoint esplorativi prespecificati.

La popolazione di analisi ha compreso tutti i pazienti assegnati in modo casuale che avevano ricevuto almeno una dose del trattamento in studio e avevano completato almeno una valutazione di HRQOL.

Gli esiti di HRQOL erano il cambiamento medio dal basale alla settimana 18 prespecificata nello European Organisation for Research and Treatment of Cancer Quality of Life Questionnaire Core 30 ( EORTC QLQ-C30 ) e EORTC Quality of Life Questionnaire-Colorectal 29 ( EORTC QLQ-CR29 ), e EuroQoL 5 Dimensions 3 Levels ( EQ-5D-3L ), scala analogica visiva ( VAS ) e punteggi di utilità per la salute; la percentuale di pazienti con punteggi migliorati, stabili o peggiorati dal basale alla settimana 18 prespecificata nelle scale e negli item EORTC QLQ-C30; e il tempo al deterioramento dei punteggi EORTC QLQ-C30 dello stato di salute globale / qualità di vita ( GHS/QOL ), del funzionamento fisico, del funzionamento sociale e della fatica e dei punteggi di incontinenza urinaria EORTC QLQ-CR29.

La soglia per una differenza media piccola e clinicamente significativa nel punteggio EORTC QLQ-C30 era di 5-8 punti.

Tra il 2016 e il 2018, 307 pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale a ricevere Pembrolizumab ( n=153 ) o chemioterapia ( n=154 ).
La popolazione dell'analisi HRQOL comprendeva 294 pazienti ( 152 in trattamento con Pembrolizumab e 142 in trattamento con chemioterapia ).

A febbraio 2020, il tempo mediano dalla randomizzazione al cutoff dei dati era di 32.4 mesi.

La variazione della media dei minimi quadrati ( LSM ) dal basale alla settimana 18 prespecificata ha mostrato un miglioramento clinicamente significativo nei punteggi EORTC QLQ-C30 GHS/QOL con Pembrolizumab rispetto alla chemioterapia ( differenza LSM tra i gruppi 8.96; P nominale bilaterale=0.0002 ).

Il tempo mediano al deterioramento è stato più lungo con Pembrolizumab rispetto alla chemioterapia per GHS/QOL ( hazard ratio, HR=0.61; P nominale unilaterale=0.019 ), funzionamento fisico ( HR=0.50; P nominale unilaterale=0.0016 ), funzionamento sociale ( HR=0.53; P nominale unilaterale=0.0050 ) e punteggi di fatica ( HR=0.48; P nominale unilaterale minore di 0.0001 ).

La monoterapia con Pembrolizumab ha portato a miglioramenti clinicamente significativi della qualità di vita correlata alla salute rispetto alla chemioterapia nei pazienti con tumore del colorettale metastatico non-trattato in precedenza con elevata instabilità dei microsatelliti o con deficit di riparazione del mismatch.

Questi dati, insieme ai benefici clinici riportati in precedenza, supportano Pembrolizumab come opzione di trattamento di prima linea per questa popolazione. ( Xagena2021 )

Andre T et al, Lancet Oncology 2021; 22: 665-677

Gastro2021 Onco2021 Farma2021


Indietro