Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Lung Unit
Tumore rene
Tumore prostata

Radioterapia a dose ridotta per il carcinoma a cellule squamose dell'orofaringe associato al papillomavirus umano


I tumori del testa-collo positivi per il papillomavirus umano ( HPV ) sono estremamente radiosensibili.
Si è determinato se la chemioradioterapia con radiazione a ridotto dosaggio possa mantenere gli esiti di sopravvivenza, migliorando la tollerabilità per i pazienti con carcinoma orofaringeo HPV-positivo.

È stato effettuato uno studio a due bracci, di fase 2, presso due ospedali accademici negli Stati Uniti, arruolando i pazienti con carcinoma squamoso dell’orofaringe di fase III o IV di nuova diagnosi, provato dalla biopsia, positivo per HPV mediante test p16 e con punteggi Zubrod performance status di 0 o 1.

I pazienti hanno ricevuto due cicli di chemioterapia di induzione con 175 mg/m2 di Paclitaxel e Carboplatino ( area sotto la curva target di 6 ) somministrati a distanza di 21 giorni, seguiti da radioterapia modulata per intensità, guidata dalle immagini, più 30 mg/m2 di Paclitaxel alla settimana in modo concomitante.
I responder completi o parziali alla chemioterapia di induzione hanno ricevuto 54 Gy in 27 frazioni e quelli con risposte inferiori o parziali hanno ricevuto 60 Gy in 30 frazioni.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione a 2 anni, valutata in tutti i pazienti che avevano completato il trattamento secondo protocollo.

Tra il 2012 e il 2015, sono stati arruolati 45 pazienti con un'età media di 60 anni.
Un paziente non ha ricevuto il trattamento e 44 sono stati inclusi nell'analisi.
24 ( 55% ) pazienti con risposte complete o parziali alla chemioterapia di induzione hanno ricevuto radiazioni da 54 Gy, e 20 ( 45% ) con risposte inferiori a risposte parziali hanno ricevuto 60 Gy.

Il follow-up mediano è stato di 30 mesi.

3 ( 7% ) pazienti hanno presentato recidiva locoregionale, e in 1 ( 2% ) paziente sono state osservate metastasi a distanza.

La sopravvivenza senza progressione a 2 anni è stata del 92%.

26 pazienti su 44 ( 39% ) hanno manifestato eventi avversi di grado 3, ma non sono stati segnalati eventi di grado 4.
Gli eventi di grado 3 più comuni durante la chemioterapia di induzione sono stati: leucopenia ( 17, 39% ) e neutropenia ( 5, 11% ); durante la chemioradioterapia sono stati: disfagia ( 4, 9% ) e mucosite ( 4, 9% ).

La chemioradioterapia con dosi di radiazioni ridotte del 15-20% è stata associata a una elevata sopravvivenza libera da progressione e a un profilo di tossicità migliorato rispetto ai regimi storici con dosi standard.
La de-escalation della radioterapia ha il potenziale per migliorare il rapporto terapeutico e la funzione a lungo termine in questi pazienti. ( Xagena2017 )

Chen AM et al, Lancet Oncology 2017; 18: 803-811

Onco2017 Neuro2017 Med2017 Inf2017 Farma2017


Indietro