Bayer Banner
Natera Banner
Gilead Banner
Tumore prostata

Radioterapia stereotassica corporea più Pembrolizumab e Trametinib versus radioterapia stereotassica corporea più Gemcitabina per il tumore del pancreas localmente ricorrente dopo resezione chirurgica


Vi sono pochi studi sull'immunoterapia o sulla terapia mirata per il tumore del pancreas postoperatorio a recidiva locale.
È stata valutata l'efficacia della radioterapia stereotassica corporea ( SBRT ) più Pembrolizumab ( Keytruda ) e Trametinib ( Mekinist ) in questi pazienti.

In uno studio di fase 2, in aperto, randomizzato, controllato, i partecipanti sono stati reclutati dall'ospedale di Changhai affiliato alla Naval Medical University di Shanghai, in Cina.
I pazienti eleggibili erano di età pari o superiore a 18 anni con adenocarcinoma duttale pancreatico confermato istologicamente caratterizzato da mutazione KRAS e colorazione immunoistochimica positiva di PD-L1, ECOG performance status pari a 0 o 1 e recidiva locale documentata dopo chirurgia seguita da chemioterapia ( mFOLFIRINOX o 5-Fluorouracile ).

I partecipanti idonei sono stati assegnati in modo casuale, senza stratificazione, a ricevere radioterapia SBRT con dosi comprese tra 35 e 40 Gy in cinque frazioni, Pembrolizumab per via endovenosa 200 mg una volta ogni 3 settimane e Trametinib 2 mg per via orale una volta al giorno o radioterapia SBRT ( stesso regime ) e Gemcitabina per via endovenosa ( 1.000 mg/m2 ) nei giorni 1 e 8 di un ciclo di 21 giorni per 8 cicli fino a progressione della malattia, morte, tossicità inaccettabile o revoca del consenso.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale nella popolazione intent-to-treat ( ITT ). La sicurezza è stata valutata nella popolazione trattata in tutti i partecipanti che hanno ricevuto almeno una dose del trattamento in studio.

Tra il 2016 e il 2017, 198 pazienti sono stati sottoposti a screening, di cui 170 sono stati arruolati e assegnati in modo casuale a ricevere radioterapia SBRT più Pembrolizumab e Trametinib ( n=85 ) o radioterapia SBRT più Gemcitabina ( n=85 ).
Alla data di cutoff clinico nel 2020, il follow-up mediano era di 23.3 mesi.

La sopravvivenza globale mediana è stata di 24.9 mesi con radioterapia SBRT più Pembrolizumab e Trametinib e di 22.4 mesi con radioterapia SBRT più Gemcitabina ( hazard ratio, HR 0.60; P=0.0012 ).

Gli effetti avversi di grado 3 o 4 più comuni sono stati l'aumento dell'alanina aminotransferasi o dell'aspartato aminotransferasi ( 10 su 85, 12%, nel gruppo SBRT più Pembrolizumab e Trametinib vs 6 su 85, 7%, nel gruppo SBRT più Gemcitabina ), aumento della bilirubina ematica ( 4, 5%, vs nessuno ), neutropenia ( 1, 1%, vs 9, 11% ) e trombocitopenia ( 1, 1%, vs 4, 5% ).

Eventi avversi gravi sono stati segnalati da 19 partecipanti ( 22% ) nel gruppo SBRT più Pembrolizumab e Trametinib e 12 ( 14% ) nel gruppo SBRT più Gemcitabina.

Non si sono verificati decessi correlati al trattamento.

La combinazione della radioterapia stereotassica corporea più Pembrolizumab e Trametinib potrebbe essere una nuova opzione di trattamento per i pazienti con tumore pancreatico localmente ricorrente dopo l'intervento chirurgico. Sono necessari studi di fase 3 per confermare i risultati. ( Xagena2021 )

Zhu X et al, Lancet Oncology 2021; 22: 1093-1102

Gastro2021 Onco2021 Farma2021



Indietro