Roche Oncologia
Oncologia Morabito
Cortinovis SCLC 2021
Tumore prostata

Radioterapia stereotassica corporea rispetto alla radioterapia convenzionale a fasci esterni nei pazienti con metastasi spinali dolorose


La radioterapia convenzionale a fasci esterni è il trattamento palliativo standard per le metastasi spinali; tuttavia, i tassi di risposta completa per il dolore sono del 10-20%.
La radioterapia stereotassica corporea ( SBRT ) fornisce radioterapia ablativa ad alte dosi.
Sono stati confrontati i tassi di risposta completa per il dolore dopo la radioterapia stereotassica corporea o la radioterapia convenzionale a fasci esterni nei pazienti con metastasi spinali dolorose.

È stato condotto uno studio in aperto, multicentrico, randomizzato, controllato, di fase 2/3 in 13 ospedali in Canada e in cinque ospedali in Australia. I pazienti erano eleggibili se avevano un'età pari o superiore a 18 anni e presentavano metastasi spinali dolorose ( definite come maggiore o uguale a 2 punti alal scala BPI [ Brief Pain Inventory ] ) confermate dalla risonanza magnetica, non più di 3 segmenti vertebrali consecutivi da includere nel volume di trattamento, un ECOG Performance status di 0-2, un punteggio SINS ( Spinal Instability Neoplasia Score ) inferiore a 12 e nessuna compressione neurologicamente sintomatica del midollo spinale o della cauda equina.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere radioterapia stereotassica corporea alla dose di 24 Gy in due frazioni giornaliere o radioterapia convenzionale a fasci esterni alla dose di 20 Gy in cinque frazioni giornaliere utilizzando tecniche standard.

L'assegnazione del trattamento è stata eseguita centralmente per ottenere l'equilibrio per i fattori di stratificazione di radiosensibilità, presenza o assenza di cancro con massa tumorale ( estensione della malattia extraossea o epidurale, o entrambi ) all'imaging e centro di cura.

L'endpoint primario era la percentuale di pazienti con una risposta completa per il dolore 3 mesi dopo la radioterapia. L'endpoint primario è stato analizzato nella popolazione intent-to-treat ( ITT ) e tutte le analisi di sicurezza e di garanzia della qualità sono state eseguite nella popolazione as-treated ( tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una frazione di radioterapia ).

Tra il 2016 e il 2019, 229 pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale a ricevere radioterapia convenzionale a fasci esterni ( n=115 ) o radioterapia stereotassica corporea ( n=114 ). Tutti i pazienti ( 229 ) sono stati inclusi nell'analisi ITT.

Il follow-up mediano è stato di 6.7 mesi.

A 3 mesi, 40 su 114 pazienti ( 35% ) nel gruppo di radioterapia stereotassica corporea e 16 su 115 pazienti ( 14% ) nel gruppo di radioterapia convenzionale a fasci esterni hanno avuto una risposta completa al dolore ( risk ratio, RR=1.33; P=0.0002 ).

Questa differenza significativa è stata mantenuta nelle analisi aggiustate per più variabili ( odds ratio, OR=3.47; P=0.0003 ).
L'evento avverso di grado 3-4 più comune è stato il dolore di grado 3 ( 5 su 115 pazienti, 4%, nel gruppo di radioterapia convenzionale a fasci esterni rispetto a 5 su 110 pazienti, 5%, nel gruppo di radioterapia stereotassica corporea ).
Non sono stati osservati decessi correlati al trattamento.

La radioterapia stereotassica corporea alla dose di 24 Gy in due frazioni giornaliere è risultata superiore alla radioterapia convenzionale a fasci esterni alla dose di 20 Gy in cinque frazioni giornaliere nel migliorare il tasso di risposta completa al dolore.

Questi risultati hanno indicato che l'uso della radioterapia conforme, guidata dalle immagini, con dose-escalation stereotassica è appropriato nel contesto palliativo per il controllo dei sintomi per pazienti selezionati con metastasi spinali dolorose, e che sono necessarie una maggiore consapevolezza della necessità di un coinvolgimento specializzato e multidisciplinare nel fornire le cure di fine vita. ( Xagena2021 )

Sahgal A et al, Lancet Oncology 2021; 22: 1023-1033

Orto2021 Neuro2021 Med2021 Onco2021



Indietro