Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Ovaie
OncoGinecologia

Rischio a lungo termine di tromboembolismo venoso nei sopravvissuti a cancro infantile


È stata valutata l'incidenza di tromboembolismo venoso ( VTE ) tardivo tra i sopravvissuti a tumore in età infantile, e sono stati identificati i fattori di rischio per il tromboembolismo venoso per facilitare la diagnosi e la prevenzione.

Il Childhood Cancer Survivor Study è una coorte multicentrica di 24.355 sopravvissuti a cancro in età infantile a 5 anni ( diagnosticato tra il 1970 e il 1999, età media all'ultimo follow-up, 28.7 anni, follow-up mediano dalla diagnosi, 21.3 anni ) e 5.051 partecipanti fratelli.

L'endpoint primario era il tromboembolismo venoso tardivo ( 5 o più anni dopo la diagnosi di cancro ) auto-riportata.

L'incidenza di tromboembolismo venoso tardivo tra i sopravvissuti e fratelli era di 1.1 e 0.5 eventi per 1.000 anni-persona, rispettivamente ( rate ratio, RR 2.2 ), con 2.5 eventi in eccesso per 100 sopravvissuti oltre 35 anni.

Tra i sopravvissuti, i fattori di rischio per tromboembolismo venoso erano sesso femminile ( RR=1.3 ), Cisplatino ( riferimento nessuno; da 1 a 199 mg/m2: RR=3.0; da 200 a 399 mg/m2: RR=1.9; maggiore o uguale a 400 mg/m2: RR=2.0 ), l-asparaginasi ( RR=1.3 ), obesità o sottopeso ( indice di massa corporea [ BMI ] di riferimento, da 18.5 a 24.9 kg/m2; BMI maggiore o uguale a 30.0 kg/m2: RR=1.6; BMI minore di 18.5 kg/m2: RR=2.4 ) e recidiva tardiva di cancro o successivo tumore maligno ( RR=4.6 ).

Tra i sopravvissuti a osteosarcoma degli arti inferiori, il salvataggio dell'arto ( amputazione di riferimento; RR=3.1 ) e Cisplatino da 200 a 399 o maggiore o uguale a 400 mg/m2 (nessun riferimento; RR=4.0 e RR=2.9, rispettivamente ) sono stati associati indipendentemente con tromboembolismo venoso tardivo.
Il tromboembolismo venoso è stato associato a un aumentato rischio di mortalità tardiva da causa non-esterna ( RR=1.9 ).

In conclusione, i sopravvissuti a tumore nell'infanzia sono a rischio aumentato di tromboembolismo venoso durante la loro vita e una diagnosi di tromboembolismo venoso aumenta il rischio di mortalità.
Gli interventi mirati a comorbilità potenzialmente modificabili, come l'obesità, meritano considerazione, con la profilassi per i sopravvissuti ad alto rischio, compresi quelli trattati con approcci a base di Cisplatino e risparmiatori degli arti inferiori. ( Xagena2018 )

Madenci AL et al, J Clin Oncol 2018; 36: 3144-3151

Onco2018 Pedia2018 Emo2018



Indietro