Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGinecologia
Tumore Ovaie

Rischio di successive neoplasie primitive nei sopravvissuti al cancro da adolescenti e giovani adulti: Teenage and Young Adult Cancer Survivor Study


Pochi studi hanno esaminato i rischi di successive neoplasie primarie dopo il cancro da adolescenti e giovani adulti.
Sono stati studiati i rischi di successive specifiche neoplasie primarie dopo ciascuno di 16 tipi di cancro in età adolescenziale o da giovani adulti.

Il Teenage and Young Adult Cancer Survivor Study è una coorte di 200.945 sopravvissuti a tumore diagnosticato tra i 15 e i 39 anni in Inghilterra e in Galles dal 1971 al 2006.
La coorte è stata stabilita utilizzando il registro dei tumori Welsh Cancer e le registrazioni di tumore dell’Office for National Statistics.
Il follow-up era dalla sopravvivenza a 5 anni fino al primo caso di morte, emigrazione o data di termine dello studio nel 2012.

In questa analisi, ci si è concentrati sul rischio di specifiche neoplasie primarie successive dopo 16 tipi di cancro da adolescenti e giovani adulti: tumore alla mammella; tumore alla cervice; tumore testicolare; linfoma di Hodgkin ( donne ); linfoma di Hodgkin ( uomini ); melanoma; tumore intracranico; tumore colorettale; linfoma non-Hodgkin; tumore alla tiroide; sarcoma dei tessuti molli; tumore ovarico; tumore alla vescica; altri genitali femminili; leucemia; tumore del testa-collo.

Sono stati riportati i rischi assoluti di eccesso ( AER, per 10.000 anni-persona ) e l’incidenza cumulativa di tipi specifici di neoplasie primarie successive dopo ogni tipo di tumore in età adolescenziale o da giovani adulti.

Durante i 2.631.326 anni-persona di follow-up ( follow-up mediano di 16.8 anni ), 12.321 neoplasie primarie successive sono state diagnosticate in 11.565 sopravvissuti, il più delle volte tra i sopravvissuti al tumore alla mammella, alla cervice, ai testicoli e al linfoma di Hodgkin.
Gli AER di eventuali successive neoplasie primarie sono stati 19.5 per 10.000 anni-persona nei sopravvissuti al tumore alla mammella, 10.2 nei sopravvissuti al tumore alla cervice, 18.9 nei sopravvissuti al tumore ai testicoli, 55.7 nelle donne sopravvissute al linfoma di Hodgkin, e 29.9 negli uomini sopravvissuti al linfoma di Hodgkin.

L'incidenza cumulativa di tutte le successive neoplasie primarie a 35 anni dalla diagnosi è stata dell'11.9% nei sopravvissuti al tumore alla mammella, 15.8% nei sopravvissuti al tumore della cervice, 20.2% nei sopravvissuti al tumore ai testicoli, 26.6% nelle donne sopravvissute al linfoma di Hodgkin e 16.5% negli uomini sopravvissuti al linfoma di Hodgkin.

Nei pazienti sopravvissuti per almeno 30 anni dalla diagnosi di tumore del collo dell'utero, tumore del testicolo, linfoma di Hodgkin nelle donne, tumore alla mammella e linfoma di Hodgkin negli uomini, è stato identificato un piccolo numero di neoplasie primarie successive specifiche che rappresentavano l'82%, 61% , 58%, 45% e 41% del numero totale in eccesso di neoplasie, rispettivamente.

Il tumore al polmone ha rappresentato una notevole percentuale del numero di neoplasie in eccesso in tutti i gruppi di adolescenti e di giovani adulti studiati.

La scoperta che un piccolo numero di neoplasie primarie successive specifiche rappresenta una grande percentuale del numero totale di neoplasie in eccesso nei sopravvissuti a lungo termine a tumore della cervice, mammario e testicolare e linfoma di Hodgkin ha fornito una base di evidenze per informare le priorità per un follow-up clinico a lungo termine.
L'importanza del tumore ai polmoni dopo ciascuno di questi tumori in adolescenti e giovani adulti ha indicato la necessità di ulteriori lavori volti a prevenire e ridurre il peso di questo tumore nei futuri sopravvissuti a tumore in età adolescenziale e in giovani adulti. ( Xagena2019 )

Bright CJ et al, Lancet Oncology 2019; 20: 531-545

Onco2019 Pedia2019



Indietro