Novartis
OncoHub
Roche Oncologia
Oncologia Morabito

Sopravvivenza e nuovi fattori prognostici nel seminoma metastatico: risultati dell’IGCCCG-Update Consortium


La classificazione IGCCCG ( International Germ-Cell Cancer Collaborative Group ) ha rappresentato un importante progresso nella gestione dei tumori a cellule germinali, ma si basa sui dati di soli 660 pazienti con seminoma trattati tra il 1975 e il 1990.
È stata rivalutata questa classificazione in un database di un grande consorzio internazionale.

I dati su 2.451 uomini con seminoma metastatico trattati con chemioterapia di prima linea a base di Cisplatino ed Etoposide tra il 1990 e il 2013 sono stati raccolti da 30 istituzioni o gruppi collaborativi in Australia, Europa e Nord America.

Gli endpoint primari erano la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ) calcolate dal giorno 1 di trattamento.
Le variabili alla presentazione iniziale sono state valutate per il loro impatto prognostico.
I risultati sono stati convalidati in un set di convalida indipendente di 764 pazienti aggiuntivi.

Rispetto alla classificazione IGCCCG iniziale, nella serie moderna, la sopravvivenza PFS a 5 anni è migliorata dall'82% all'89% e la sopravvivenza OS a 5 anni dall'86% al 95% nei pazienti con una buona prognosi e dal 67% al 79% e dal 72% all'88% nei pazienti con prognosi intermedia.
La lattato deidrogenasi ( LDH ) si è rivelata un ulteriore fattore prognostico avverso.

I pazienti con una buona prognosi con LDH superiore a 2.5 volte il limite superiore della norma hanno avuto una sopravvivenza senza progressione a 3 anni dell'80% e una sopravvivenza globale a 3 anni del 92% rispetto al 92% e 97% nel gruppo con LDH inferiore.

La sopravvivenza senza progressione e la sopravvivenza globale nel seminoma metastatico sono significativamente migliorate nella serie moderna rispetto ai dati originali.
La classificazione IGCCCG originale ha mantenuto la sua rilevanza, ma può essere ulteriormente perfezionata aggiungendo LDH a un cutoff di 2.5 volte il limite superiore della norma come ulteriore fattore prognostico avverso. ( Xagena2021 )

Beyer J et al, J Clin Oncol 2021; 39: 1553-1562

Uro2021 Onco2021 Farma2021


Indietro