Cortinovis SCLC 2021
Oncologia Morabito
Roche Oncologia
Tumore prostata

Sopravvivenza globale e analisi dei biomarcatori di Nivolumab più chemioterapia neoadiuvante nel tumore al polmone non-a-piccole cellule operabile in stadio IIIA: studio NADIM


La chemioterapia più Nivolumab ( Opdivo ) in ambiente neoadiuvante ha dimostrato di essere efficace nel tumore polmonare non-a-piccole cellule resecabile ( NSCLC ) nello studio NADIM.
La sopravvivenza globale a 3 anni ( OS ) e l'analisi del DNA tumorale circolante ( ctDNA ) non sono state riportate.

Si trattava di uno studio di fase II, multicentrico, a braccio singolo, in aperto, in cui i pazienti con tumore NSCLC in stadio IIIA, ritenuti resecabili chirurgicamente, sono stati trattati con Paclitaxel neoadiuvante ( 200 mg/m2 una volta al giorno ) e Carboplatino ( area sotto la curva 6 ) più Nivolumab ( 360 mg ) una volta al giorno 1 di ogni ciclo di 21 giorni, per 3 cicli, seguito da Nivolumab in monoterapia adiuvante per 1 anno ( 240 mg una volta ogni 2 settimane per 4 mesi, seguito da 480 mg una volta ogni 4 settimane per 8 mesi ).
La sopravvivenza globale a 3 anni e l'analisi del ctDNA erano obiettivi secondari dello studio.

La sopravvivenza globale a 36 mesi è stata dell'81.9% nella popolazione intention-to-treat ( ITT ), salendo al 91.0% nella popolazione per protocollo.
Né il carico di mutazioni tumorali né la colorazione di PD-L1 sono stati predittivi di sopravvivenza.

Per contro, bassi livelli di pretrattamento di ctDNA sono risultati significativamente associati a una migliore sopravvivenza libera da progressione e sopravvivenza globale ( hazard ratio, HR=0.20 e HR=0.07, rispettivamente ).
Le risposte cliniche secondo i criteri RECIST versione 1.1 non hanno predetto gli esiti di sopravvivenza.

Tuttavia, i livelli di ctDNA non-rilevabili dopo il trattamento neoadiuvante sono stati significativamente associati alla sopravvivenza libera da progressione e alla sopravvivenza globale ( HR=0.26 e HR=0.04, rispettivamente ).
L'indice C per predire la sopravvivenza globale per i livelli di ctDNA dopo il trattamento neoadiuvante ( 0.82 ) è risultato superiore a quello dei criteri RECIST ( 0.72 ).

L'efficacia della chemioterapia neoadiuvante più Nivolumab nel tumore al polmone non-a-piccole cellule resecabile è supportata dalla sopravvivenza globale a 3 anni.
I livelli di ctDNA sono risultati significativamente associati allla sopravvivenza globale e hanno superato le valutazioni radiologiche nella previsione della sopravvivenza. ( Xagena2022 )

Provencio M et al, J Clin Oncol 2022; 40: 2924-2933

Onco2022 Pneumo2022 Farma2022



Indietro