OncoHub
Janssen Oncology
Oncologia Morabito
Novartis

Sorafenib adiuvante per carcinoma a cellule renali a rischio intermedio o alto di recidiva: studio SORCE


SORCE è uno studio internazionale, randomizzato, in doppio cieco, a tre bracci, di Sorafenib ( Nexavar ) dopo l'asportazione chirurgica di carcinoma a cellule renali ( RCC ) primitivo che presenta un rischio di recidiva intermedio o alto.

Sono stati assegnati in modo casuale i partecipanti a 3 anni di placebo ( braccio A ), 1 anno di Sorafenib seguito da 2 anni di placebo ( braccio B ) o a 3 anni di Sorafenib ( braccio C ).
La dose iniziale di Sorafenib era di 400 mg due volte al giorno per via orale, modificata a 400 mg al giorno.

L'analisi di esito primario, che è stata rivista come un risultato di esiti esterni, era la sopravvivenza libera da malattia ( DFS ) confrontando 3 anni di Sorafenib rispetto al placebo.

Tra il 2007 e il 2013, sono stati assegnati in modo casuale 1.711 partecipanti ( 430, 642 e 639 partecipanti rispettivamente nei bracci A, B e C ).
L'età media era di 58 anni, il 71% dei pazienti erano uomini, l'84% aveva istologia a cellule chiare, il 53% era a rischio intermedio di recidiva e il 47% era a rischio alto di recidiva.

Non sono state osservate differenze nella sopravvivenza libera da malattia o nella sopravvivenza globale ( OS ) in tutti i pazienti assegnati in modo casuale, nei pazienti con alto rischio di recidiva o nei pazienti con solo carcinoma renale a cellule chiare.
La sopravvivenza mediana libera da malattia non è stata raggiunta con 3 anni di Sorafenib o con il placebo ( hazard ratio, HR=1.01; P=0.95 ).

Sono stati osservati rischi non-proporzionali; il tempo di sopravvivenza medio limitato ( RMST ) è stato di 6.81 anni per 3 anni di Sorafenib e di 6.82 anni per il placebo ( differenza di RMST, 0.01 anni; P=0.99 ).

Nonostante l'offerta di adattamenti del trattamento, più della metà dei partecipanti ha interrotto il trattamento entro 12 mesi. Una reazione cutanea mano-piede di grado 3 è stata segnalata nel 24% dei partecipanti trattati con Sorafenib.

Sorafenib non deve essere usato come terapia adiuvante per il carcinoma a cellule renali.
La sorveglianza attiva rimane lo standard di cura per i pazienti a rischio intermedio o alto di recidiva dopo nefrectomia. ( Xagena2020 )

Eisen T et al, J Clin Oncol 2020; 38: 4064-4075

Onco2020 Nefro2020 Uro2020 Farma2020


Indietro