Oncologia Morabito
Cortinovis SCLC 2021
Roche Oncologia
Tumore prostata

Sorveglianza cardiovascolare prospettica della terapia combinata a base di inibitori del checkpoint immunitario nei pazienti con carcinoma renale avanzato: studio JAVELIN Renal 101


Sia gli inibitori del checkpoint immunitario ( ICI ) che gli inibitori del recettore del fattore di crescita dell'endotelio vascolare ( VEGFR ) sono approvati per il trattamento del carcinoma a cellule renali avanzato, e possono causare eventi cardiovascolari; quindi, la terapia di combinazione potrebbe portare a eventi cardiovascolari avversi maggiori ( MACE ).

La valutazione dei biomarcatori sierici cardiaci e l'imaging, compreso il monitoraggio della frazione di eiezione del ventricolo sinistr ( FEVS ), possono essere utilizzati per valutare gli eventi avversi MACE.

Lo studio JAVELIN Renal 101, che ha valutato Avelumab ( Bavencio ) più Axitinib ( Inlyta ) rispetto a Sunitinib ( Sutent ) nei pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato, è il primo studio randomizzato sul trattamento con inibitori del checkpoint immunitario più inibitori VEGFR a includere il monitoraggio cardiaco seriale prospettico della FEVS e dei biomarcatori cardiaci sierici.

MACE ( definito come eventi avversi cardiovascolari di grado maggiore o uguale a 3 ) si è verificato in 31 pazienti ( 7.1% ) nel braccio di combinazione e 17 pazienti ( 3.9% ) nel braccio Sunitinib.

I pazienti nel braccio di associazione che avevano valori basali elevati di troponina T erano a più alto rischio di eventi avversi MACE rispetto ai pazienti con valori bassi ( MACE in 6 su 35 vs 7 su 135, rispettivamente; rischio relativo, 3.31 ).
Questa associazione non è stata osservata nei pazienti trattati con Sunitinib.

Altri fattori di rischio cardiovascolare al basale e biomarcatori cardiaci sierici non sono stati significativamente predittivi per eventi avversi MACE, sebbene nel braccio di combinazione sia stata osservata una tendenza verso una associazione con dislipidemia.

Non è stato osservato alcun valore clinico del monitoraggio di routine durante il trattamento della FEVS in relazione agli eventi avversi MACE.
Sebbene il declino della FEVS fosse significativamente più frequente nel braccio di combinazione, la maggior parte dei pazienti si è ripresa e il declino non è stato associato ad altri eventi o sintomi cardiaci significativi.

I pazienti con livelli basali elevati di troponina T che ricevono combinazioni di inibitori del checkpoint immunitario e inibitori del recettore di VEGF potrebbero dover essere monitorati più da vicino per gli eventi avversi cardiovascolari maggiori.
Il monitoraggio di routine della FEVS nei pazienti asintomatici non è raccomandato. ( Xagena2022 )

Rini BI et al, J Clin Oncol 2022; 40: 1929-1938

Nefro2022 Uro2022 Onco2022 Cardio2022 Farma2022


Indietro